La Juventus arriva in Sardegna per sfidare il Cagliari da capolista della serie A, con il rassicurante vantaggio di otto punti sulla Roma seconda in classifica, e dieci sul Napoli terzo. I bianconeri sono già aritmeticamente campioni d’inverno. Questo turno, infatti, chiude il girone d’andata. La Vecchia Signora sa che il campionato è ancora lungo e non vuole perdere preziosi punti che potrebbero permettere alle dirette concorrenti di accorciare il loro distacco, di riprendere coraggio e vigore. Il Cagliari giunge dal pareggio 0-0 del Bentegodi contro il Chievo. I sardi vogliono cercare di conquistare punti preziosi per mantenersi tranquilli. In campionato la squadra di Lopez non vince in casa contro i bianconeri dal 2009/2010. In quell’occasione i rossoblù sconfissero la Juventus 2-0 con le reti di Nenè e Matri. Nella stagione successiva l’allora compagine di Del Neri vinse al Sant’Elia 3-1. Andarono a segno Matri da poco acquistato dalla Vecchia Signora, che realizzò una doppietta, e Toni. Il gol del momentaneo pareggio del Cagliari fu di Acquafresca. Nel 2011/2012 la sfida si giocò a Trieste per i problemi legati al Sant’Elia. La Juve vinse 2-0 con il gol di Vucinic e l’autorete di Canini. Quel giorno, grazie alla contemporanea vittoria dell’Inter contro il Milan, la truppa di Conte festeggiò lo scudetto. Sempre per motivi legati allo stadio, in quell’occasione Is Arenas, anche la scorsa stagione la sfida non si disputò nel capoluogo sardo, ma si giocò a Parma, e dopo il momentaneo vantaggio rossoblù firmato Pinilla su rigore, la Juve ribaltò il punteggio con una doppietta di Matri e una rete di Vucinic vincendo 3-1.

Conte, che deve rinunciare al solo squalificato Barzagli, dovrebbe riproporre il 3-5-2. Davanti a Gianluigi Buffon il terzetto difensivo potrebbe essere formato da Caceres, che ha ricevuto i complimenti pubblici del suo tecnico, Bonucci e Chiellini. Attenzione però al possibile inserimento di Ogbonna. Sulla corsia destra dovrebbe essere confermato il pendolino Lichtsteiner, mentre a sinistra dovrebbe trovare spazio Asamoah. Nel cuore del centrocampo potrebbero esserci Vidal, Pirlo e Pogba. Non è escluso, però, che Conte conceda un turno di riposo a uno dei tre giocatori (Pogba principale candidato) e dia la possibilità a Marchisio di giocare dal primo minuto.  In attacco potrebbe trovare spazio la coppia, ormai considerata titolare, formata da Tevez e Llorente. Lopez dovrebbe schierare  il suo Cagliari con il 4-3-1-2. Tra i pali dovrebbe esserci Adan. In difesa ci potrebbe essere spazio per Pisano, Rossettini, Astori, Murru. Il terzetto di centrocampo (deve fare a meno di Nainggolan che ora veste la maglia della Roma) dovrebbe essere composto da Dessena, Conti e Ekdal. Dietro le punte potrebbe giocare Cossu. In attacco giocheranno due tra Pinilla, Sau e Ibarbo. Non è escluso che i rossoblù scendano in campo con il 4-3-2-1. In questo caso Sau affiancherebbe Cossu come trequartista dietro Pinilla. Lopez dovrà fare a meno degli indisponibili Eriksson e Nenè. Dirigerà la gara l’arbitro Guida della sezione di Torre Annunziata.

Cagliari (4-3-1-2): Adan, Pisano, Rossettini, Astori, Murru, Dessena, Conti, Ekdal, Cossu, Sau, Ibarbo. All.Lopez

Juventus (3-5-2): Buffon, Caceres, Bonucci, Chiellini, Lichtsteiner, Vidal, Pirlo, Pogba, Asamoah, Tevez, Llorente. All. Conte.