Buffon ha deciso di affidare la panchina della Carrarese, di cui è socio, a Rino Gattuso. Il club ha da poco formalizzato l’iscrizione in Lega Pro attraverso una fidejussione da 400mila euro.

I rumors danno molto vicino Gattuso al ritorno nel ruolo di allenatore, mentre il suo ex compagno di Nazionale è impegnato nella ricerca di nuovi soci che lo accompagnino in questaavventura dispendiosa sia dal punto di vista economicoche mentale.

Rino Gattuso sarebbe alla quarta esperienza da allenatore. Le prime tre non sono andate benissimo: in tutti i casi, infatti, si è trattato di parentesi durate pochi mesi.

Morsi di campionato, o poco più. Così è andata al Sion. Gattuso giunse per ricoprire solo il ruol odi calciatore. Il presidente Constantin, a campionato in corso, gli affidò pure l’incarico di allenatore, facendolo affiancare da Arno Rossini (in possesso del patentino).

Un mese con una vittoria, un pareggio e due sconfitte prima di essere esonerato da tecnico, con il presidnete del Sion che gli chiese di restare fino alla fine del torneo solo in qualità di calciatore.

Gattuso ritornò ad allenare a Palermo. L’inizo della stagione 2013-2014 sulla panchina rosanero, però,fu tutt’ltro che brillante. Eliminato al secondo turno di coppa Italia d opera del Verona, i siciliani solo un preggio e due vittorie con tre sconfitte.

Motivo più che sufficiente affinché Zamparini, mangiallenatori per antonomasia, lo esonerasse rimpiazzandolo con Beppe Iachini.

Nel 2014 ecco l’Ofi Creta. Di male in peggio per il povero Ringhio, che si trova allenatore di un club allo sbando. Fiorma a giugno e ad ottobre, dopo sette giornate, rassgen le dimisisoni.

I tifosi lo convincono a tornare, ma a dicembre siamo di nuovo punto e a capo. Gattuso se ne va e stavolta per sempre. Il club naviga in difficoltà societarie ed alla fine della stagione retrocederà.

Ora la chiamata dell’amico Buffon. Per Ringhio è giunto il momento del riscatto?