Neanche la minima soddisfazione del terzo posto per il Brasile di Scolari che contro l’Olanda di Van Gaal subisce l’ennesima umiliazione di questo mondiale perdendo 3 a 0. Troppo forti per David Luiz e compagni anche la squadra di Robben e Van Persie.

Non c’è stata storia per tutta la partita, troppo forti gli orange per questi verdeoro che, forse ancora sotto choc per la sconfitta in semifinale contro la Germania (un 0 a 7 difficile da dimenticare) non sono mai entrati in partita subendo un gol da Van Persie, su rigore, a neanche tre minuti dal fischio d’inizio. Poi una pessima ribattuta di testa di David Luiz ha aperto le porte di casa a Blind che ha segnato il secondo, infine all’inizio del recupero la rete di Wijnaldum lasciato solo davanti al povero Julio Cesar.

Del Brasile di ieri sera si è salvato solo Oscar, per tutta la Coppa del Mondo ha fatto un lavoro immane facendo il difensore, centrocampista e attaccante ma se corri in continuazione è ovvio che una volta davanti alla porta non concludi nulla.

Alla fine della partita i brasiliani a piangere in mezzo al campo, una nazionale completamente da ricostruire, e gli olandesi che tornano a casa sapendo di essere usciti da imbattuti da questo torneo (sconfitti solo ai rigori dall’Argentina) ma con un terzo posto che dice poco o nulla.

Questa sera grande attesa per la finale.