Borja Valero giura amore eterno alla Fiorentina: «Voglio chiudere la carriera qui», chiudendo così la porta ai tanti pretendenti che nelle scorse settimane si erano interessati a lui, come la Roma («Non c’è mai stato niente») o il nuovo Milan di Montella: «Faccio i miei complimenti a Montella, con lui sono diventato un grande calciatore. È bello che delle squadre possano interessarsi a me, significa che ho fatto bene. Ma ho un contratto lungo qui (scadenza 2019, ndr) e sono molto contento a Firenze. È difficile far capire quello che sento per questa città. Sono arrivato quasi casualmente dopo una stagione dura con il Villarreal. La gente di Firenze mi ha sempre voluto bene ed io spero di dare loro la stessa cosa attraverso le prestazioni in campo. La mia famiglia sta benissimo e su questo siamo tutti d’accordo. Voglio chiudere la carriera a Firenze. So che tutti i fiorentini vorrebbero solo una cosa, ovvero vincere qualcosa. Siamo però tutti consapevoli che è veramente difficile. Due volte ci siamo andati vicini (in Europa e Coppa Italia), peccato. Amo talmente tanto la Fiorentina che se mi dicessero che andandomene da qui la squadra sarebbe in grado di vincere qualcosa, sarei disposto a farlo. Ma temo non sia così semplice».

Il centrocampista viola si concentra poi sul prossimo campionato: «Sappiamo che molte squadre si rinforzeranno, soprattutto le milanesi, ma non abbiamo mai avuto paura e non l’avremo nemmeno quest’anno. La passata stagione? Non so cosa sia successo né quale sia la spiegazione per il calo che abbiamo avuto. Tutti noi sognavamo guardando la classifica, però i sogni difficilmente diventano realtà. Ed il nostro è sparito». Qualche parola su Giuseppe Rossi, tornato a Firenze dopo i 6 mesi di prestito al Levante: «Mi auguro che resti, ce lo auguriamo tutti. È un grandissimo giocatore, c’è poco da dire. Spero che stia bene e faccia vedere quello che sa fare. La finale dell’Europeo? Io avevo pronosticato la vittoria della Francia, ma sono contento per i portoghesi».