Probabilmente Bonucci sarà il solo baluardo del terzetto arretrato titolare della Jueventus a scendere in campo domenica nella sfida di serie A contro il Chievo. Impossibile il recupero di Chiellini, complicato quello di Barzagli. Al suo fianco potrebbero giocare Caceres e Ogbonna.  Intanto il numero 19 juventino ha risposto alle domande dei tifosi su Twitter. Il difensore bianconero ha rilasciato dichiarazioni davvero interessanti sia relative alla sua vita da calciatore che a quella privata. Bonucci ha parlato anche ai microfoni di SKy Sport.

Così a Sky Sport

Riguardo al pareggio del Bentegodi contro il Verona e a quanto accaduto in seguito afferma. ‘È stato giusto ritrovarci lunedì mattina di modo che si è potuto analizzare quello che è stato a Verona. E il mister ha ritenuto opportuno togliere il giorno libero, per farci capire quale era l’importanza di vincere una partita come quella di Verona. E poi per far capire che per continuare ad essere la Juventus che siamo stati  nei due anni passati e in questo inizio di stagione dobbiamo continuare ad essere cattivi e a non avere quei cali di concentrazione che abbiamo avuto.’ Nei confronti dei tanti gol subiti dichiara ‘Abbiamo preso troppi gol in queste ultime partite, però come abbiamo detto molti sono stati frutto di cali di concentrazione. Sicuramente dobbiamo stare sempre al top e sempre concentrati al cento per cento a prescindere dagli uomini che scendono in campo’

Nei confronti di Conte e delle sue modalità di lavoro dichiara ‘se i metodi che ha avuto il mister fino ad oggi ci hanno portato alla vittoria è giusto seguirli, anche se dentro di noi c’era il rimorso e il rimpianto di non avere vinto a Verona

Così su Twitter ufficiale della Juventus

Riguardo alla sua carriera afferma che, fin da piccolo, si è ispirato ad ‘Alessandro Nesta’ e ad al suo ex capitano ‘Alessandro Del Piero’. Dichiara di avere scelto il numero 19 perche  ‘innanzitutto è il giorno in cui è nata Martina,poi ha un significato importante in numerologia’.  Afferma che prima di entrare in campo ascolta una playlist e manda un messaggio alla moglie Martina, ma non ha alcun rituale pre partita. Prosegue ricordando che il suo ambientamento a Torino non è stato certo dei più semplici e ricorda le difficoltà avute durante prima stagione. Tra i momenti più felici indica ‘il primo scudetto’ e istanti divertenti tra i quali ‘quando abbiamo buttato il mister nell’acqua gelata allo Stadium. Anche perché stavamo festeggiando lo scudetto.’ Afferma che il calciatore tecnicamente più forte con il quale ha giocato è ‘Paul Pogba’, mentre l’avversario più dotato che ha affrontato è ‘sicuramente Cristiano Ronaldo’. Sottolinea come il ragazzo del vivaio bianconero che più l’ha impressionato positivamente è ‘Marzuk’.

Riguardo alla sua vita privata, Bonucci, in imminente attesa del suo secondogenito, afferma di avere poco tempo libero e ‘quello che ho lo dedico alla mia famiglia