Conclusa la pausa nazionali ci si rituffa a capofitto nel campionato e, infrasettimanalmente, nelle coppe europee con la Roma impegnata nell’anticipo di Serie A fuori casa contro il Bologna e martedì in Champions League a Barcellona nel big match contro i blaugrana (alle prese con “el clasico” in contemporanea con la partita del Dall’Ara contro gli emiliani). I giallorossi naturalmente non vogliono perdere il treno della competizione di vertice che li vede in corsa insieme a Fiorentina, Inter e Napoli per lo scudetto e quella in trasferta contro il Bologna è un’occasione da non perdere per assicurarsi i tre punti.

Il Bologna dopo un impatto poco felice col campionato, viene da una serie positiva di due vittorie: una bella inversione di rotta dopo il cambio di panchina e l’arrivo di Donadoni che può contare su un organico al completo. Anche contro un avversario quotato come la Roma è probabile un modulo a trazione anteriore come il 4-3-3 che prevede Maietta e Gastaldello al centro della difesa con Rossettini e Maietta laterali. A centrocampo spazio ancora a Diawara davanti alla linea difensiva con Donsah e Rizzo come mezzali. In attacco un tridente composto da Mounier e Giaccherini esterni con Destro punta centrale.

Garcia deve invece rinunciare a pedine importanti nel suo schieramento come De Rossi, Gervinho e Salah, tutti bloccati in infermeria. La difesa del team giallorosso è affidato a Manolas e Rüdiger nel ruolo di centrali con Florenzi e Digne terzini. Vainqueur sarà il perno del centrocampo insieme a due alfieri come Nainggolan e Pjanic. Tridente offensivo da reinventare viste le numerose assenze, con Iago Falque e Iturbe dal primo minuto a fungere da attaccanti esterni e Dzeko come punto di riferimento più avanzato.

Bologna (4-3-3): Mirante; Rossettini, Maietta, Gastaldello, Masina; Donsah, Diawara, Rizzo; Mounier, Destro, Giaccherini. All. Donadoni.

Roma (4-3-3): Szczesny; Florenzi, Manolas, Rüdiger, Digne; Pjanic, Vainqueur, Nainggolan; Iturbe, Dzeko, Iago Falque. All. Garcia.