La Juventus, vera e propria macchina da guerra, espugna il Dall’Ara vincendo 2-0 sul Bologna (leggi qui). Ottima prova di Vidal che festeggia così il rinnovo del contratto. Il centrocampista bianconero apre le marcature con un gol di classe. In questa stagione è il capocannoniere della Juventus con undici reti. È incredibilmente straordinario anche in fase difensiva. Buona prova anche di Ogbonna. L’ex difensore granata disputa quella che è fino a ora la sua migliore prestazione stagionale. Bonucci riposa e la Juve non ne risente. Il neo acquisto juventino lo sostituisce bene sia in fase difensiva che in fase di impostazione. Da sottolineare anche l’eurogol di Chiellini con un colpo di testa da attaccante di razza. L’inizio di Isla è positivo, ma con lo scorrere del tempo il cileno pare un po’ rallentare. Pure lui non demerita, ma ci si potrebbe aspettare qualcosa di più. Vucinic disputa 38 minuti su un discreto livello, anche se lontano dal miglior Vucinic, poi è costretto a uscire: sarebbe stato bello poterlo osservare ancora.

Pagelle Juventus

BUFFON 6.5: Si fa trovare pronto quando viene chiamato in causa. Reattivo su due violente conclusioni di Diamanti. Sono 640 minuti che il portiere bianconero non subisce reti. Le critiche di Firenze sembrano ormai un lontano ricordo.

BARZAGLI 6.5: Sicuro e tranquillo. Per Conte è una garanzia. Il centrale bianconero controlla bene le offensive bolognesi.

OGBONNA 7: Da regista difensivo disputa una buona prestazione. Sostituisce degnamente Bonucci. A inizio partita trova un lancio delizioso per Marchsio che però non riesce a segnare. In fase difensiva è attento e sicuro.

CHIELLINI 6.5: Il difensore disputa una buona partita. Ingaggia un duello senza esclusione di colpi con Diamanti, impedendogli, insieme a Buffon, di trovare la via della rete. Con una testata micidiale chiude l’incontro al 90’.

ISLA 6: Inizia con il piglio giusto. Dopo pochi minuti effettua un cross velenoso che Curci smanaccia, ma nessuno ribadisce in gol. Con il passare del tempo si assenta un po’ dal match.

VIDAL  7: L’uomo ovunque. Corre, lotta, combatte e segna. Ha appena saputo che il suo Cile sarà in un girone di ferro al prossimo Mondiale, ma non si fa distrarre. È semplicemente determinante. La sua rete è magnifica e beffa Curci in uscita.

POGBA 6: Davanti alla difesa è abbastanza libero di agire. Non subisce particolari marcature. Non è sempre posizionato in maniera perfetta, ma la sua presenza si nota parecchio.

MARCHISIO 6.5: Il Principino si impegna parecchio. I suoi inserimenti non mancano. Si rende più volte pericoloso in fase offensiva e su di lui Curci compie almeno due interventi straordinari. Anche in fase difensiva la sua presenza si sente.

PELUSO 6.5: Rispolverato da Conte disputa una buona prestazione sia offensivamente che difensivamente.  Delizioso l’assist per Vidal in occasione della rete del cileno. Inizia la ripresa in maniera positiva, ma poi rischia di farsi espellere per un intervento ai danni di Diamanti. Conte nota il suo nervosismo e lo sostituisce.

(ASAMOAH  6: Sostituisce Peluso al 66’ e disputa venti minuti senza particolari apprensioni o sbavature. Realizza anche una rete, ma Mazzoleni aveva ravvisato un fuorigioco.)

QUAGLIARELLA 6.5: Disputa una buona gara. Controlla spesso palloni molto complicati e fa valere la sua forza fisica contro difensori possenti. Cerca molto spesso la soluzione personale, ma a volte avrebbe potuto servire qualche compagno meglio posizionato. Quando fraseggia con i compagni l’intesa si nota.

(TEVEZ 6: L’argentino entra e si fa trovare pronto. Ci mette il cuore, combatte, duetta in maniera positiva con Llorente, ma non riesce a trovare il gol.)

VUCINIC 6: L’intesa con Quagliarella è evidente ed è favorita da anni di reciproca conoscenza. Vucinic fraseggia bene con i compagni. Peccato per il suo dolore al ginocchio che l’ha costretto ad abbandonare il campo dopo 38 minuti di gioco.

(LLORENTE 6: Entra al 38’ sostituendo Vucinic e per una volta non è decisivo. Fallisce qualche occasione che parrebbe facile per un attaccante del suo valore. Gli juventini si augurano che abbia risparmiato la rete per Istanbul. Lo spagnolo dimostra comunque di essere un giocatore di grande caratura. Delizia con giocate di classe e come in altre occasioni trova sponde preziose.)

All. CONTE 7: Conte schiera una Juve con un ampio turnover e a quattro giorni dalla trasferta di Champions League a Istanbul. La squadra entra attenta, concentrata e determinata alla ricerca dei tre punti che ottiene. Disputa, inoltre, una gara ben giocata con trame di gioco fluide e divertenti.

Pagelle Bologna: Curci 7; Antonsson 6 ; Natali 5.5; Mantovani 5.5; Garics 5.5 (Cristaldo 6.5); Perez 5 (Laxalt 6); Khrin 5.5; Morleo 6; P. Kone 5.5; Diamanti 6.5; R. Bianchi 5.5 (Alibec n.g.); All. Pioli 5.5.

ARBITRO MAZZOLENI 6.

A cura di Giovanni Battista Terenziani