Il successo di Modena nel derby emiliano contro il Carpi è stato una boccata d’ossigeno per il Bologna che ha abbandonato l’ultima posizione in classifica ma che ora al Dall’Ara, in questo secondo turno infrasettimanale, trova un’Inter in crisi di risultati (solo 3 punti nelle ultime quattro partite, con la sconfitta interna contro la Fiorentina che ha un po’ segnato il passo di una squadra ancora con evidenti limiti) ma non di gioco, almeno dopo la – tutto sommato – buona prestazione col Palermo al Barbera.

Delio Rossi, convinto di poter fare il colpaccio tra le mura amiche cavalcando l’onda del successo esterno, azzarda il 4-3-3 con Da Costa tra i pali al posto di Mirante, Gastaldello e Oikonomou centrali della linea difensiva affiancati da Ferrari e Masina. Diawara è il perno del centrocampo insieme all’ex Taider e Donsah nel ruolo di mezzali. Il tridente offensivo è composto da Destro come punta centrale e l’attuale capocannoniere rossoblu Mounier e Rizzo ai lati dell’attacco.

Probabile 4-3-3 anche per Mancini che in difesa ripropone Medel centrale  per sostituire Murillo squalificato insieme a Miranda. L’alterna potrebbe essere Juan Jesus e l’utilizzo di Nagatomo (tornato prepotentemente titolare dopo la convincente prestazione di sabato scorso a Palermo) sulla corsia di sinistra, con Santon terzino destro. Il centrocampo è quello ideale voluto dal Mancio con Felipe Melo a schermo della difesa e Guarin e Kondogbia interni. Per il francese ex Monaco e Siviglia tutt’altro che positivo dall’inizio della stagione nerazzurra quasi una prova d’appello. Nel trio d’attacco potrebbero riposare sia Jovetic che Icardi in vista della sfida contro la Roma nella prossima giornata, allora dentro Palacio e/o Biabiany, con l’argentino che ha messo finora pochi minuti nelle gambe e il francese che scalpita per poter giocare dopo la bella performance al Barbera.

Bologna (4-3-3): Da Costa; Ferrari, Gastaldello, Oikonomou, Masina; Donsah, Diawara, Taider; Mounier, Destro, Rizzo. All. Rossi.

Inter (4-3-3): Handanovic; Nagatomo, Medel, Miranda, Juan Jesus; Guarin, Felipe Melo, Kondogbia; Biabiany, Icardi, Perisic. All. Mancini.