Il vento che sta imperversando nella località russa di Khanty Mansiysk ha costretto gli organizzatori dell’ultima gara stagionale di Coppa del mondo, una mass start, a posticipare a cancellare la prova femminile e quella maschile. Il problema più grande è stato causato dalla caduta di un riflettore nella zona del poligono, ma anche numerosi alberi lungo il tracciato sono stati divelti dalla forza del vento, e l’incolumità degli atleti non era assicurata al 100%.

FINALE

La classifica femminile si chiude così con il successo di Gabriela Soukalova che oltre ad essersi assicurata la generale, ha trionfato pure in tre specialità: sprint, pursuit e mass start. La ceca ha preceduto Marie Dorin Habert e una straordinaria Dorothea Wierer, che archivia la sua migliore stagione di sempre con la terza posizione nella generale, quattro successi e tredici podi complessivi (fatti di undici piazzamenti individuali e due in staffetta), a cui si aggiungono il primo posto nella specialità individuale, il secondo nella pursuit e il terzo posto nella sprint. In più ecco la medaglia d’argento nella pursuit dei Mondiali di Oslo. Era dalla stagione 1993/94 che un’italiana non arrivava fra le prime tre, quando Nathalie Santer fu seconda. “Fortunatamente l’ultima gara è stata annullata perchè mi sono ammalata – racconta Dorothea alla fine -. Sono molto contenta di questa stagione, non pensavo all’inizio di essere così competitiva. Mi rimane un pizzico di delusione per il Mondiale di Oslo, perché era l’appuntamento più importante dell’anno ma non mi sentivo al 100% fisicamente. Voglio ringraziare tecnici e allenatori senza i quali non sarei arrivata talmente in alto”.

In campo maschile Martin Fourcade precede Johannes Boe e Anton Shipulin, ventiduesimo Dominik Windisch.