La finestra di mercato è ormai chiusa da settimane, ma qualcosa si muove lo stesso nei quartieri alti della Juventus con Beppe Marotta che ha praticamente annunciato l’ingaggio di Bentancur.

AFFARE PER LA PROSSIMA STAGIONE

Interpellato sul talento uruguaiano del Boca, sogno di mezza estate milanista, l’amministratore delegato è entrato deciso sull’affare: “Bentancur? Noi monitoriamo le giovani promesse e lui è una di queste”. “Avevamo un diritto di prelazione, frutto della cessione di Tevez, e quasi con certezza lo faremo valere – ha dichiarato il dirigente ai microfoni di Premium Sport prima del fischio iniziale di Inter-Juve -. Sarà un’operazione che faremo nella prossima stagione”.

OBBLIGATI A LOTTARE SU OGNI FRONTE

Gli ultimi giorni in casa bianconera non sono stati facili. Al pareggio casalingo in Champions contro il Siviglia è seguita la bocciatura all’esame nerazzurro. Chiuso sullo 0-0 l’esordio europeo, Marotta aveva predicato tuttavia calma, sostenitore della bontà del gruppo: “La nostra società è abituata a subire anche critiche, del resto non si può nemmeno vincere sempre. Dobbiamo fare tesoro di questo risultato. L’esternazione di Bonucci va rispettata, perché fatta da un grande giocatore: l’obiettivo è sempre di puntare a vincere in qualsiasi competizione partecipiamo. La rosa che abbiamo oggi è competitiva per tutti i traguardi: bisogna aspettare che i nuovi giocatori si inseriscano, ma mi pare che il lavoro di Allegri in questo senso proceda nel migliore dei modi”.

PARECCHI TITOLARI

La sensazione generale è comunque che i valori della squadra siano adatti a dare l’assalto a ogni competizione: “Rispetto agli ultimi anni abbiamo sicuramente alzato il livello qualitativo dell’organico. Higuain, come Barzagli e Dani Alves, hanno preso l’esclusione con professionalità: la Juventus non ha undici titolari, ma molti di più e l’impiego di ognuno deve essere ben ponderato dall’allenatore, il turnover è fisiologico”. Organico di talento che fra i suoi nomi avrà il prossimo anno pure quello di Bentancur.