Il Milan deve cambiare, parola di Silvio Berlusconi. Il presidente del club rossonero non è contento e ne ha per tutti: per Seedorf, ma anche per Balotelli e per tutti. Nessuno escluso: “Non sono soddisfatto del Milan, come tutti i tifosi”. Scoppia la bomba, c’è aria di rivoluzione. Qualche testa salterà, questo appare abbastanza scontato.

In un’intervista a SportMediaset, Berlusconi prosegue: “La differenza è che io ci metto anche i soldi. Ricordo a tutti che abbiamo avuto anni di straordinari successi, che siamo ancora la squadra più titolata al mondo ma che soprattutto stiamo già lavorando per il Milan del futuro. Balotelli? Deve imparare a fare la prima punta, stare più vicino alla porta e segnare. Per vincere bisogna fare gol: un giorno voglio incontrarlo e spiegarglielo. Gli chiederei: Mario, secondo te, noi andiamo in campo per vincere o perdere? E lui risponderà: per vincere! E secondo te per vincere dobbiamo fare gol o no? Fare gol! E per fare gol dobbiamo tirare in porta o no? Tirare in porta! E per tirare in porta dobbiamo stare vicino alla porta o no? Stare vicino? E allora perché giochi anche nella nostra metacampo? Tutto qui. Speriamo impari”.

Sul futuro di Seedorf, che appare scontato, glissa: “Decideremo alla fine della stagione dopo l’ultima partita. Riuniremo il Consiglio e il Consiglio sentendo quello che è il parere del presidente prenderà una decisione. Non sono soddisfatto. No. Per niente. Quindi credo che dovremo riflettere anche su questo fatto”.

Seedorf via dal Milan: esonero per giusta causa, Berlusconi risparmia 10 milioni

Berlusconi vende il Milan: 300 milioni per il nuovo stadio, poi cessione parziale del club

Atalanta-Milan: la corsa di Seedorf finisce a Bergamo