Dopo un lungo periodo di silenzio, Rafa Benitez torna a parlare della sua esperienza napoletana in un’intervista in onda oggi su Fox Sports (canale 204 di Sky). Il primo passaggio c’è stato nel pomeriggio alle 16.30, mentre per chi lo avesse perso, il canale lo riproporrà questa sera alle 20,30, con il titolo “La versione di Rafa”. Di seguito vi proponiamo un estratto delle sue dichiarazioni, mentre l’intervista integrale a cura del giornalista Paolo Siravo, andrà in onda, come detto, su Fox Sports.

«Non ho visto tutte le partite ma credo che la squadra abbia fatto bene in campionato. Io come allenatore e il mio staff quando parliamo dell’esperienza al Napoli diciamo di essere orgogliosi di aver creato una squadra forte, con i giocatori che sono arrivati e che dopo si è rinforzata bene. Parlano le statistiche: nel periodo nel quale io allenavo il Napoli, la Juventus ha vinto tutti i titoli disponibili meno due che ha vinto il Napoli. Siamo orgogliosi di aver creato qualcosa che ancora può diventare di più perché Sarri sta facendo un buon lavoro». L’ex allenatore del Napoli parla anche dei tanti calciatori avuti a disposizione durante la sua avventura azzurra: «I giocatori sono cresciuti, Koulibaly nel primo anno aveva fatto bene e lo stesso Ghoulam è cresciuto. Albiol, Callejon, Higuain, Mertens, Insigne, Jorginho sono giocatori che hanno fatto bene prima ma che con un anno di esperienza in più e giocando insieme alla fine hanno fatto ancora meglio. Higuain è un giocatore che ha saputo sfruttare la crescita della squadra intorno a lui».

Non è un mistero che Benitez non abbia invece mai avuto rapporto idilliaco con il presidente De Laurentiis, il quale all’inizio della scorsa stagione si scagliò proprio contro l’allenatore spagnolo con alcune dichiarazioni non proprio lusinghiere: «Rafa cercava di non disturbare mai l’ambiente dello spogliatoio, Sarri sa avere anche un rapporto diretto con un calciatore. Benitez voleva Damiao ma io non ero convinto dopo aver incontrato il suo procuratore. Così ho verificato l’ipotesi Higuain e ho trovato subito l’accordo con suo padre. Adesso Gonzalo è felice qui perché ha deciso di restare».

Benitez, nonostante la retrocessione, continuerà la sua avventura come allenatore del Newcastle anche in Championship (la serie B inglese). È infatti ufficiale il suo rinnovo con il club inglese fino al 2019.