Benfica-Napoli stasera vale un posto agli ottavi di finale di Champions League. Agli azzurri basta un pareggio per passare, mentre i lusitani sono costretti alla vittoria.

Sarri punterà sul solito 4-3-3. Davanti a Reina, la difesa sarà composta da Hysaj e Ghoulam esterni con Koulibaly e Albiol centrali. A centrocampo il ritorno di Allan, con Diawara e capitan Hamsik. In attacco Callejon, Mertens e Insigne, con Gabbiadini che dovrebbe partire dalla panchina.

Sarri in conferenza stampa ha dichiarato di aspettarsi “un ambiente caldo” ed una partita “strana, diversa dall’andata. Sarà una finale e noi dovremo pensare a vincere, non certo a speculare sul pareggio, cosa che non fa per noi e non è nel nostro dna”.

Il tecnico partenopeo non si è sbilanciato sulla formazione. Il vero dubbio, in ogni caso, riguarda l’attacco. “Chi gioca tra Mertens e Gabbiadini? Non so ancora, credo che sia una partita che possa essere decisa con un innesto dalla panchina, quindi terrò presente anche questo. Alla fine a non giocare dal 1′ potrebbe essere anche un suo compagno”.


Benfica (4-2-3-1):
1 Ederson; 50 Semedo, 4 Luisao, 14 Lindelof, 34 Almeida; 5 Fejsa, 21 Pizzi; 18 Salvio, 20 Guedes, 22 Cervi; 11 Mitroglou. (12 Julio Cesar, 2 Lisandro Lopez, 7 Samaris, 8 Horta, 27 Rafa Silva, 9 Raul Jimenez, 15 Carrillo). All. Rui Vitoria
Napoli (4-3-3): 25 Reina, 2 Hysaj, 26 Koulibaly, 33 Albiol, 31 Ghoulam, 5 Allan, 42 Diawara, 17 Hamsik, 7 Callejon, 14 Mertens, 24 Insigne (1 Rafael, 11 Maggio, 3 Strinic, 21 Chiriches, 8 Jorginho, 20 Zielinski, 23 Gabbiadini).
Arbitro: Antonio Mateu Lahoz (Spagna)