Domani riprenderà il cammino della Juventus in Europa League. I bianconeri saranno ospiti del Benfica allo stadio Da Luz di Lisbona per la gara di andata della semifinale. Il match di ritorno si giocherà giovedì 1 maggio.

la partenza della Juve per Lisbona

Prosegue così la corsa verso la finalissima in programma il prossimo mercoledì 14 maggio proprio allo Juventus Stadium. Sarebbe un onore e un privilegio per i ragazzi di Conte potere giocare questa partita di fronte al loro pubblico che potrebbe regalare un magnifico spettacolo coreografico. La conquista del trofeo, oltre a permettere di porre in bacheca una coppa prestigiosa, garantirebbe buoni introiti alle casse bianconere e fornirebbe ai campioni d’Italia la possibilità di disputare la Supercoppa Europea contro la squadra che conquisterà la Champions League. Tanta roba.

Per arrivare a questo traguardo la Vecchia Signora dovrà, intanto, superare l’ostacolo Benfica. Le Aquile non sono certamente avversario da sottovalutare. Hanno appena conquistato il loro 33esimo campionato portoghese vantando il miglior attacco e la miglior difesa del torneo e senza mai perdere in casa. Oltre a essere fortissimi in Patria vantano anche una discreta tradizione europea. Nel loro palmares ci sono 2 Champions League. Proprio come la Juve. Nella scorsa edizione di Europa League hanno disputato la finale dove sono stati sconfitti dal Chelsea e nell’attuale Champions sono stati eliminati solo a causa della differenza reti. In ogni caso i bianconeri sono una squadra forte e, almeno sulla carta, l’obiettivo qualificazione pare alla loro portata. Al Benfica mancherà una pedina importante come il centrocampista Salvio che si è fratturato un braccio e salterà il doppio confronto con la squadra di Conte. Sarà inoltre assente anche il difensore Silvio. I Campioni  d’Italia, invece, pare potranno contare sulla voglia di segnare in Europa di Tevez. Il gol gli manca dal 7 aprile 2009, quando l’Apache firmò una rete in un Manchester United-Porto 2-2 di Champions. Chissà che non sia proprio una compagine portoghese a sfatare il tabù.

Nonostante sia un periodo caldissimo della stagione con molti obiettivi ancora da conquistare, si continua a parlare del futuro e del calciomercato della Juventus. Una delle questioni è certamente quella legata ad Antonio Conte (il cui contratto scadrà nel 2015). I Campioni d’Italia non possono perdere il loro condottiero. Lui è fondamentale per il progetto. E’ il cuore pulsante di questa squadra. Sarebbe davvero complicato trovare un sostituto che si integri meglio nell’ambiente bianconero. I tifosi della Vecchia Signora si augurano che il tecnico pugliese ripercorra le orme di Ferguson al Manchester United. Bisogna blindarlo. Le sirene che giungono proprio dai Red Devils devono essere allontanate al più presto. Continua poi la telenovela Pogba. Certamente i 70 milioni che potrebbero derivare dall’eventuale cessione della perla di Lagny sur Marne sarebbero utilissimi alle casse dei piemontesi che li reinvestirebbero anche sul mercato, ma una squadra che con il tempo mira a raggiungere il livello dei top club europei per dare l’assalto alla Champions non dovrebbe privarsi di un giovane fenomeno del livello del Polpo.  Pare, inoltre, che dal prossimo anno la Juve voglia affidarsi a un ‘modulo più internazionale’ come il 4-3-3. Necessita quindi di un esterno di attacco. I nomi dei vari candidati sono tanti: Nani, Cuadrado, Lulic, Di Maria, Lucas, Cerci, Sanchez. Per quest’ultimo sembra che la società di Corso Galielo Ferraris abbia già raggiunto un accordo di massima con il giocatore. Ora occorrerà intavolare una trattativa con il  Barcellona. Il cileno sarebbe senz’altro un colpo notevole. La Juve non molla nemmeno l’idea di acquisire Mandzukic e, secondo Tuttosport, si potrebbe profilare un incredibile duello con il Real Madrid.