Pochissime ore ci distanziano dalla mega sfida europea di Champions League nella semifinale di ritorno tra Bayern Monaco e Barcellona in cui il Bayern è chiamato a un’impresa titanica per ribaltare lo 0-3 del Camp Nou (vendetta dei catalani che non hanno affatto dimenticato la semifinale del 2013) e ad infuocare l’evento serale dell’Allianz Arena, se mai ce ne fosse bisogno, ci pensa la bandiera bavarese e del calcio teutonico in generale Franz Beckenbauer il quale, non nuovo a dichiarazioni spesso antipaticamente corrosive, in un’intervista rilasciata al quotidiano francese L’Equipe ha sentenziato: “Senza Messi il Barcellona sarebbe una squadra qualsiasi“, dimenticandosi o fingendo di farlo in maniera al quanto provocatoria che oltre al fuoriclasse argentino il Barça può contare su campioni di inestimabile valore come Iniesta, Suarez, Xavi, Neymar, Busquets.

L’intervista prosegue poi con una sorta di ridimensionamento di Leo Messi come giocatore da parte di Kaiser Franz, giudicato di valore assoluto ma non paragonabile a campioni quali Pelè o Maradona (un po’ i soliti paragoni triti e ritriti impugnati nelle argomentazioni anti-Messi): “Due anni fa quando abbiamo superato il Barca (4-0 e 3-0 in semifinale di Champions, come si accennava più sopra) l’argentino non era al meglio. Messi al momento è il miglior giocatore al mondo ma il migliore di tutti i tempi resta Pelé. Ho giocato con lui ai Cosmos, non ho mai visto un giocatore del genere. Gli davi la palla e poi non la vedevi più per quanto era veloce“.

Dopodiché il presidente onorario del Bayern Monaco si sofferma più nello specifico sulla semifinale avanzando sincere perplessità sulla possibilità di una rimonta bavarese: “I nostri giocatori daranno il massimo e faranno di tutto per mettere sotto pressione il Barcellona. Se sapremo segnare subito una certa euforia avvolgerà lo stadio e dopo è difficile prevedere cosa possa accadere. Non nascondo che ho grandi perplessità, il Barcellona è una squadra in forma straordinaria“.