In questo periodo di preparazione al mercato di gennaio si assiste a una sorta di tourbillon su numerose panchine, nazionali e internazionali, ora che la situazione per parecchi club sta conoscendo un momento di crisi per quanto riguarda diverse realtà del calcio europeo. Tra queste, se ne trovano alcune che come il Bayern Monaco, pur non versando in una situazione di criticità, è costretta a ragionare anticipatamente sul futuro perché il proprio tecnico ha deciso di cambiare aria a fine stagione.

Così Pep Guardiola ha già annunciato che nel giro di due giorni renderà noto a tutti i suoi piani per il futuro, visto che nel giugno del 2016 sarà concluso il suo terzo anno di avventura sulla panchina del club tedesco. Il tecnico catalano ha dichiarato di essere già d’accordo a riguardo con il presidente del Consoglio del Bayern Karl-Heinz Rummenigge esprimendosi così in proposito: “Lui sa quello che penso anche perchè abbiamo parlato spesso di quest’argomento e dopodomani (cioè dopo la sfida contro l’Hannover in Bundesliga, ndr) sapremo cosa succederà“.

Tutto è ancora nebuloso anche se le forti pressioni del Manchester City non sono di certo segrete, così cime non è affatto un segreto il fatto che il club bavarese abbia già preso seri e importanti contatti con Carlo Ancelotti.  Nell’attesa di conoscere i piani riguardanti eventuali avvicendamenti tra Guardiola e l’allenatore di Reggiolo il Bayern ha nel frattempo prolungato i contratti di quattro giocatori: Thomas Müller, Jerome Boateng, Javi Martinez e Xabi Alonso. I primi tre rimarranno in Baviera fino al 2021, mentre il centrocampista ex Liverpool e Real Madrid, il cui contratto scade a giugno 2016, ha prolungato per un’altra stagione fino 2017.