In serata, alle 20:45 all’Allianz Arena di Monaco di Baviera va in onda la seconda e ultima parte della semifinale di Champions League tra Bayern Monaco e Barcellona. Il primo episodio, come nelle migliori serie tv che si rispettano, è stato spettacolare con un finale pazzesco poiché dopo un equilibrio durato tre quarti di partita, il Bayern è affondato sotto tre colpi a ripetizione dei blaugrana inginocchiandosi ai piedi di un alieno venuto dall’Argentina: Lionel Messi, il protagonista assoluto della puntata. Guardiola e Luis Enrique, quei bravi ragazzi del Barça che fu, compagni di squadra, amici da sempre e ora sportivamente rivali sulle panchine dei club attualmente più forti del mondo per una battaglia galattica (mentre gli altri “galacticos” sono impegnati a difendere il titolo partendo da una posizione di svantaggio nei confronti della Juve nell’altra semifinale).

Durissima per i bavaresi ribaltare un risultato che sembra già una sentenza. La rimonta dall’1-3 col Porto nei quarti di finale è già materiale d’archivio, qui si tratta del Barcellona, tutta un’altra storia. Il Bayern si è talmente focalizzato su questo match che ad ennesimo titolo nazionale vinto con largo anticipo, ha lasciato perdere la Bundesliga (sconfitto in casa dall’Augsburg nell’ultimo turno) per concentrarsi solo sugli spagnoli che invece il titolo lo devono ancora conquistare, volando a velocità supersonica (2-0 alla Real Sociedad nella Liga).

Il Bayern sconta ancora le assenze pesantissime di Robben, Ribery e Alaba con quest’ultimo che è tornato ad allenarsi coi compagni anche se fuori tempo massimo per garantire una presenza in serata. Dopo la disfatta dell’andata si torna alla difesa a quattro e davanti è assai probabile vedere Mario Götze dal primo minuto, o come esterno o in un eventuale 4-2-3-1 a ridosso di Lewandowski, ancora mascherato dopo la frattura alla mandibola. Facilmente ipotizzabile un 4-3-3 molto offensivo visto l’enorme gap da recuperare con Xabi Alonso davanti alla difesa e Schweinsteiger e Thiago Alcantara mezzali.

Il Barcellona è giunto in Baviera con la rosa al completo compreso Mathieu, indisponibile all’andata e pronto in panchina al ritorno. Luis Enrique non cambia né modulo né uomini per questo atto finale nella sfida col rivale Pep, quindi 4-3-3 ancora una volta, Mascherano centrale difensivo, centrocampo con Busquets a schermare la difesa e Iniesta e Rakitic a inventare e interdire e davanti il tridente dei sogni Neymar-Messi-Suarez per chiudere i giochi.

Bayern Monaco (4-3-3): Neuer; Lahm, Boateng, J. Martinez, Bernat; Thiago Alcantara, X. Alonso, Schweinsteiger; Müller, Lewandowski, Götze. All. Guardiola.

Barcellona (4-3-3): Ter Stegen; Dani Alves, Piqué, Mascherano, J. Alba; Rakitic, Busquets, Iniesta; Suarez, Messi, Neymar. All. Luis Enrique.