Bayern Monaco-Barcellona 3-2 e blaugrana in finale di Champions League grazie al 3-0 conquistato nell’andata della semifinale. Si potrebbe parlare di straordinaria amministrazione del risultato per la squadra di Luis Enrique, che inizia col brivido, rimonta, per poi subire due gol che fissano il punteggio su un risultato del tutto innocuo ai fini dell’approdo a Berlino.

Barcellona-Bayern Monaco, la partita d’andata

Guardiola culla speranze di gloria per una manciata di minuti, che vanno dal gol di Benatia (7′) al doppio Neymar (15′ e 30′), che puntella una qualificazione già abbondantemente al sicuro prima dell’arrivo all’Allianz Arena. Nella ripresa Lewandosky (14′) e Muller (30′) coccolano l’orogoglio bavarese.

Il Barcellona parte subito forte e potrebbe già passare dopo appena due giri di orologio. Rakitic, servito da Dani Alves, potrebbe far male, ma il suo diagonale si spegne sul fondo. Al 7′ il Bayern è in vantaggio: angolo di Xabi Alonso, difesa blaugrana distratta e Benatia è libero di sfoggiare una delle sue specialità, insaccando di testa.

1-0 per Guardiola, ma i tifosi neutrali che sperano che la semifinale guadagni in pathos vengono disillusi una manciata di minuti più tardi.

Messi-Suarez-Neymar. E’ il 15′ quando il trio sudamericano affonda i colpi. L’argentino lancia l’uruguagio che davanti a Neuer preferisce l’assist per la battuta a porta quasi vuota del brasiliano: c’è un argentino, un uruguayano ed un brasiliano. Di fronte a questi tre, anche la retroguardia tedesca diventa una barzelletta.

I bavaresi tentano una reazione, ma il doppio tentativo di Muller e quello di Lewandowski non mettono in ambasce Ter Stegen. Il Barcellona è sornione. Sa che può colpire quando e come vuole. E infatti alla mezz’ora Suarez innesca Neymar e sono ancora guai per i sogni di Guardiola, fatti nuovamente a pezzi, stavolta da uno stop e tiro di destro da O Ney.

Alla fine del primo tempo Luis Enrique decide che può bastare così. Toglie dalla mischia Suarez e fa largo a Pedro. Al 14′ Lewandoski scherza Mascherano e si libera per insaccare alle spalle di terStegen con un bel destro. Così come è bella la conclusione a giro di Muller che regala l’inutile 3-2. Per una notte, Berlino è più vicina a Barcellona che a Monaco. Guardiola fuori, Luis Enrique a casa. L’ex tecnico della Roma aggiunge un altro tassello verso il Triplete.

Di seguito il tabellino dell’incontro:
BAYERN MONACO-BARCELLONA 3-2 (1-2)
Bayern Monaco (4-3-3): Neuer; Rafinha, Boateng, Benatia, Bernat; Thiago, Xabi Alonso, Schweinsteiger (42′ st Martinez); Lahm (23′ st Rode), Lewandowski, Müller (42′ st Götze). (Reina, Dante, Weiser, Pizarro). All.: Guardiola
Barcellona (4-3-3): ter Stegen; Dani Alves, Mascherano, Piqué, Jordi Alba; Rakitic (27′ st Mathieu), Busquets, Iniesta (30′ st Xavi); Messi, Suarez (1′ st Pedro), Neymar. (Bravo, Adriano, Bartra, Rafinha). All.: Luis Enrique
Arbitro: Clattenburg (ENG)
Reti: 7′ pt Benatia, 15′ e 30′ pt Neymar, 14′ st Lewandowski, 29′ st Müller
Ammoniti: Rakitic, Pedro, Rafinha, Thiago, Xabi Alonso, Lewandowski, Rode
Recupero: 2′ e 3′