OAKLAND (Stati Uniti) – Era nell’aria. Perché Marco Belinelli è al top della sua carriera in NBA, con una squadra che gli sta dando grande fiducia, ripagata finora alla grande. La prestazione da urlo è arrivata nella notte italiana per il bolognese di San Giovanni in Persiceto: contro Golden State, coach Popovich lascia a riposo i “big-three”, Duncan, Ginobili, Parker, ma gli Spurs vincono lo stesso, fuori casa, nella settima partita in dieci giorni.

E Marco Belinelli stavolta ha licenza di tiro più del solito in un match bellissimo (ottimi Curry e Lee, dall’altra parte), che  si decide all’ultimo secondo: 28 punti, con 10/16 dal campo, 4/8 da tre, 2 rimbalzi, 1 assist in 28′, con il tiro della vittoria sul 102-102 sbagliato, ma che ha portato comunque al tap-in decisivo di Splitter per il 102-104 conclusivo. E i 28 punti segnati rappresentano, per Marco, la miglior prestazione da quando è in NBA!