Sono serviti tre tempi supplementari per dare un giudizio finale su gara-6 della finale Scudetto del basket italiano; il successo, alla fine, ha visto sorridere Sassari, che si è imposta su Reggio Emilia per 115-108 dopo ben tre tempi supplementari e quindi ha rimandato a gara-7, l’ultima della serie, ogni discorso relativo a chi sarà il nuovo campione d’Italia.

Per la Grissin Bon errori da Scudetto per Cinciarini, che non è riuscito a trovare la via del canestro sia a fine dei tempi regolamentari, sia a fine primo supplementare.

L’emozione che non finisce mai porta dunque la serie all’ultima gara, quella che si disputerà venerdì a Reggio Emilia (ore 20.45).

Ci hanno pensato Dyson e Logan a rompere un equilibrio che sembrava non tramontare mai, un qualcosa di incredibile. Gara molto, molto equilibrata: avanti Reggio Emilia di sei punti, poi torna in corsa Sassari e vola a +7.

Dopo l’errore di Cinciarini, ai supplementari sembra non finire mai la partita. A 47 secondi dalla fine del primo Reggio Emilia è a +5 ma non è finita. Sassari vola a +5 a 2 minuti dalla fine del secondo overtime, ma Reggio risale. Al terzo, però, la Dinamo ritrova il killer instinct di Logan e Dyson; e stavolta è finita, si va a gara-7.

La serie
Gara-1 Reggio Emilia-Sassari 82-63
Gara-2 Reggio-Emilia Sassari 84-71
Gara-3 Sassari-Reggio Emilia 80-77
Gara-4: Sassari-Reggio Emilia 94-90 d.t.s.;
Gara-5: Reggio Emilia-Sassari 71-67;
Gara-6: Sassari-Reggio Emilia 115-108 d. 3 t. s.;