E’ un Jasmin Repesa soddisfatto quello che commenta la vittoria della sua Olimpia Milano in gara-5 della finale Scudetto del basket ottenuta contro Reggio Emilia. Il coach delle Scarpette Rosse, però, predica calma, perché sa che non sarà per nulla semplice stasera contro Reggio: “Promesse non ne faccio, discorsi ancor meno. Faremo parlare i fatti” ha sentenziato il tecnico slavo.

E d’altronde il ricordo della stagione senza titoli dell’anno scorso è ancora molto fresco e il rischio di una ricaduta c’è. Motivo per il quale Milano scenderà a Reggio Emilia questa sera per la terza volta con il match point in mano ma con la consapevolezza che sarà tutto bello, fuorché semplice.

La doppietta Coppa Italia-campionato a Milano non si beve dal 1996:In gara-5 abbiamo mandato sei uomini in doppia cifra e l’allenatore non può che essere contento e soddisfatto – prosegue Repesa – la squadra ha aperto gara-5 nella maniera giusta, il nostro primo tempo è stato straordinario in difesa e in attacco. Poi abbiamo avuto un calo, per fortuna esistono i timeout per rimettere a posto le cose. Insomma siamo 3-2…”.

Poi conclude: “Noi a Reggio siamo sempre andati per vincere, ma se loro in casa hanno perso solo una partita al supplementare in stagione regolare e nei playoff le hanno vinte tutte, bisogna avere rispetto. Come fate a dire che non possiamo perdere in casa loro? Come fate a sottovalutarla così? Reggio possiede un’organizzazione di gioco più continua della nostra, due giocatori che hanno vinto tantissimo come Lavrinovic e Kaukenas, almeno tre nazionali. Io, ripeto, ho un rispetto incredibile, ma è anche vero che noi scenderemo a Reggio con un unico imperativo: vincere”.