Il Barcellona si laurea campione del mondo per club dopo aver battuto 3-0 il River Plate. I blaugrana hanno superato gli argentini in maniera agevole, grazie ad una doppietta di Suarez (gol che vanno a sommarsi alla tripletta messa a seno contro il Guagzhou) e ad un gol di Lionel Messi.

Per il Barcellona si tratta del quinto trofeo conquistato nel 2015. Lui Enrique si mangia le mani per non aver eguagliato il record di Guardiola, il ‘sextete’ del 2009: colpa della sconfitta nella supercoppa spagnola ad opera dell’Atletico Bilbao.

Poco male, comunque, per la squadra catalana che festeggia il nuovo titolo iridato, il terzo della sua storia dopo quelli portati nel 2009 e nel 2011.

Per il River Plate ci sono subito brutte notizie. Neymar e Messi sono pienamente recuperati. Gli argebntini si sforzano ocn il pressing, regalando nella prima mezz’ora pochi spazi agli avversari.

La partita, però, si sblocca al 36′. Messi allarga per Dani Alves, cross da destro, sponda di testa di Neymar e tocco vincente dello stesso Lionel per il vantaggio blaugrana.

Ad inizio ripresa arriva anche il raddoppio. Busquets è bravissimo con un lancio di 40 metri a trovare sulla destra Suarez, che si accentra e fredda Barovero in uscita.

Il Barcellona ormai si diverte. Show di Messi nel settore centrale, palla allargata su Neymar, cross impeccabile per la testa del Pistolero. 3-0 e discorso chiuso.

Tra un gol e l’altro c’è anche il tempo di ammirare uno show maradoniano di Neymar, che confeziona una giocata simile a quella del Diez contro l’Inghilterra ai Mondiali ’86. L’argentino concluse la sua opera d’arte con una rete, il brasiliano manca di un soffio l’appuntamento con un gol che avrebbe avuto dello storico.