Nonostante le rassicurazioni di Adriano Galliani, il messaggio è arrivato chiaro: il Milan è pronto a cedere Mario Balotelli di fronte ad una giusta offerta economica. Dunque, rimane ancora il punto interrogativo sul futuro rossonero dell’attaccante della nazionale italiana anche se il suo agente, Mino Raiola, non le ha di certo mandate a dire a Barbara Berlusconi, rea a suo parere di non supportare il suo assistito e, anzi, di considerarlo non indispensabile: “Il Mondiale? E’ vergognoso prendersela solo con lui – le parole di Mino Raiola nell’intervista concessa a Carlo Laudisa della Gazzetta dello Sport – questa sì che è mancanza di equilibrio, specchio di un Paese in cui il calcio è morto. Ma qualcuno pensava davvero di vincere il Mondiale? Io non mi sono stupito di questo fallimento. In Europa i nostri club non vincono più, come poteva la Nazionale fare il miracolo? Non giudico le persone, non conosco Prandelli ma la sua idea tattica era perdente. Come si può pensare di vincere con un solo attaccante in campo? Anche la Costa Rica ne schierava tre”.

Poi sullo stato d’animo di Mario Balotelli: “E’ triste, anzi disperato. Solo Galliani lo ha tutelato mentre dalla Figc silenzio assoluto. Invece lui non ha accusato nessuno, semmai è depresso perché sa di non essere riuscito a esprimere tutto il suo talento”. La bordata a Barbara Berlusconi arriva nel finale: “Mario sta dove gli vogliono bene. Apprezzo le frasi di Galliani, ma ora voglio rispondere anche a quelle di Barbara Berlusconi. Se per lei è sostituibile, mi chiami in sede e una soluzione la troviamo: come sono abituato a fare. Ricordo che Mario aveva altre offerte importanti. Lui al Milan c’è per cuore, lei non so”.

LEGGI ANCHE

Balotelli via dal Milan: l’attaccante al Monaco

Balotelli via dal Milan: per la stampa è Mario la terza vittima della rivoluzione barbaresca

Balotelli Milan: l’imbonitore Galliani può scordarsi il prestito, servono 18 milioni