Il giudice sportivo Paolo Tosel ha condannato l’Inter al pagamento di una multa di 50mila euro a causa delle espressioni “di discriminazione razziale” contro Mario Balotelli (foto by InfoPhoto), durante l’ultimo derby di Milano. Multato anche il Milan (di 10mila euro), i cui tifosi si sono resi responsabili di striscioni contro la curva nerazzurra e Antonio Cassano, e lo stesso Balotelli, sempre della stessa cifra più un’ammonizione, immortalato dalle telecamere in quello che è stato valutato come un “plateale gesto insultante, infrazione rilevata anche dai collaboratori della Procura federale”.

Da notare che i 50mila euro comminati all’Inter (che, intendiamoci, come club non è assolutamente responsabile dell’idiozia di alcuni suoi tifosi) derivano da ben quattro infrazioni rilevate dal giudice sportivo: i cori contro Balotelli, gli striscioni contro lo stesso giocatore, altri striscioni contro la curva del Milan e, infine, l’utilizzo continuato di laser. Diciamo poco più di 10mila euro a infrazione. Come a dire, il gesto volgare di Balotelli viene punito quasi nella stessa misura di una manifestazione razzista.