Meno di sei mesi dopo il suo addio al Milan e all’Italia, Mario Balotelli (foto by InfoPhoto) potrebbe far ritorno nel nostro campionato: più precisamente, al grande nemico Juventus. Mino Raiola è stato avvistato in settimana a Vinovo, per parlare del rinnovo di Paul Pogba, certo, ma anche, pare, per proporre il suo assistito più celebre (Zlatan permettendo) alla società bianconera. La trattativa sarebbe stata avviata sulla base di un prestito semestrale con diritto di riscatto fissato attorno ai 15-18 milioni di euro. Il Liverpool ha già dato il suo benestare.

Balotelli alla Juventus, la situazione

A darci un indizio sulle intenzioni dei bianconeri di portare a casa l’ex talento di Inter e Milan è stato lo stesso Max Allegri, il tecnico con il quale Balotelli ha vissuto il suo miglior semestre in carriera:

“Mario l’ho avuto con me e credo abbia fatto una buona stagione. Purtroppo si è costruito un personaggio all’esterno del calcio e tutti parlano di lui sotto quell’aspetto. Io credo abbia ottime qualità a livello tecnico e fisico. Vorrei allenarlo di nuovo? Beh, a me piace allenare tutti i giocatori più bravi”.

Difficile definirla diversamente da un’apertura, forse addirittura un benvenuto. L’operazione, fattibilissima sotto il piano economico, non sarà delle più semplici dal punto di vista dell’impatto emotivo. Se c’è un giocatore che la tifoseria bianconera ha osteggiato apertamente, nel corso degli ultimi anni, questo è proprio Mario Balotelli. Uno squarcio che non sarà facile da ricomporre, se non a suon di gol, proprio quella cosa che Mario sembra essersi dimenticato negli ultimi mesi (solo 2 in 17 presenze con il Liverpool).