Tragedia nel mondo del badminton. Domenica mattina, durante al torneo regionale Giochi del Vesuvio promosso dalla Federazione, mentre era impegnato in un incontro al Palasirio di Cercola, un giocatore italiano di 28 anni, Luca Celeste, si è improvvisamente accasciato al suolo, colpito da un infarto. I soccorsi sono stati tempestivi e il ragazzo è stato trasportato all’ospedale Villa Betania di Ponticelli: purtroppo ogni sforzo è stato inutile, quando vi è finalmente arrivato, attorno alle ore 14, il suo cuore aveva già cessato di battere.

E’ la prima volta che succede una cosa del genere nel nostro sport“, ha commentato Antonio Imperato, presidente del comitato regionale di badminton della Campania. “Sono presidente da venticinque anni e non mi ricordo niente di simile. Per me è come se fosse morto un figlio, un ragazzo che conoscevo bene, sempre col sorriso sulle labbra, solare anche quando perdeva. Quando l’ho saputo mi si è spezzato il cuore, non volevo crederci“.

Inevitabile chiedersi cosa sia potuto accadere. A quanto risulta, Luca Celeste, nativo di San Paolo Bel Sito e giocatore di ottimo livello – era appena diventato vicecampione regionale di doppio – non aveva mai palesato alcun problema cardiaco. Inoltre, come garantiscono dal comitato, aveva tutti gli attestati di idoneità in regola per poter svolgere attività sportiva a livello agonistico.