Rafa Nadal eliminato dagli Australian Open. Il maiorchino è stato battuto da Fernando Verdasco stabilendo un record personale negativo: a Melbourne non era mai uscito al primo turno.

Gara splendida e combattuta quella tra i due connazionali, terminata dopo cinque set contenuti in una maratona di quattro ore e quarantuno minuti. Questo lo score finale: 7-6 (8) 4-6 3-6 7-6(4) 6-2.

Verdasco ha cancellato così l’amarezza della semifinale del 2009, quando Rafa, al termine di cinque ore estenuanti, vinse con un 7-5 al quinto set, dopo che il madrileno riuscì a trovarsi a pochi punti dal successo.

Nadal ha iniziato il match male, commettendo tanti errori: quindici nel primo set che Verdasco vince al tie-break. Nei successivi due set il maiorchino ribalta il risultato portando, con poche difficoltà, il punteggio sul 2-1.

Quindi il crollo inaspettato. Verdasco strappa al tie-break il quarto e nel quinto è bravo ad approfittare della crisi di Nadal. L’ex numero uno al mondo vince i primi due game, ha tra le mani il punto del 3-0, ma a quel punto sparisce dal campo regalando sei giochi consecutivi all’avversario. In ogni caso, uno spettacolo che fabene ad uno sport vessato dagli ultimi scandali.

Tra gli altri match, da segnalare il ko di Fabio Fognini, superato in quattro ore e quattro set dal lussemburghese Gilles Muller con il punteggio di 7-6 (8-6), 7-6 (9-7), 6-7 (5-7), 7-6 (7-1).

“Mi dispiace aver perso perché ho avuto possibilità di vincere sia il primo che il secondo set, ma ho incontrato un avversario in forma. Sapevo che sarebbe stata dura. Siamo però all’inizio della stagione, in dieci mesi avrò altre chances”.

Eliminato anche Marco Cecchinato (sconfitto da Nicolas Mahut), mentre ce l’ha fatta Simone Bolelli, bravo a superare lo statunitense Brian Bake. Al secondo turno incrocerà l’australiano Bernard Tomic.

Nel tabellone femminile da segnalare l’uscita di Venus Williams, battuta da Johanna Konta in due set, 6-2, 6-4.