Il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis è intervenuto ieri nel corso di Tiki Taka. Il patron azzurro ha dichiarato di essere felice per la netta vittoria sul Milan ed ha parlato di Sarri, Benitez e NMihajlovic.

‘Dal 1986 il Napoli aveva vinto solo due volte a Milano. Abbiamo dato una soddisfazione a tutti quei tifosi azzurri trapiantati al Nord, che oggi possono guardare tutti in maniera altezzosa’.

Sarri

De Laurentiis ha così spiegato la scelta di Sarri: ‘Lo scorso anno mi ha impressionato molto, a Napoli è venuto a pareggiare 2-2, ad Empli ci ha battuto 4-2. La stampa ne parlava molto bene, così ho iniziato a pensare anche a lui come sostituto di Benitez’.

Una scelta divenuta concreta dopo il tramonto delle idee Klopp ed Emery e l’abbandono della pista Mihajlovic, raccontata così: ‘Incontrai Sinisa, mi disse: Ma come presidente, è sparito per due settimane? Parole dette con gentilezza ed educazione, ma che mi fecero capire che dovevo virare da qualche altra parte, verso un profilo più umile. Ero sparito sì, ma avevo una agenda fitta di impegni’. Ed il Napoli non ha un dirigente in grado di trattare con un allenatore a causa della volontà di De Laurentiis di centralizzare i processi decisionali, aggiungiamo noi. Ma tant’è.

Ecco così che l’idea Sarri va felicemente in porto: ‘Mi colpì molto il suo carattere, lui è uno che legge molto ed una persona che legge è una di spessore. Lo difesi ad inizio stagione, sapevo che avrebbe avuto bisogno di qualche partita per trovare la quadratura del cerchio’.

Nel corso della trattativa con Sarri c’è stato qualcuno che ha fatto notare le mise poco eleganti con cui il tecnico va in campo ‘A quel punto ho detto facciamola finita. Benitez ha voluto un vestito su misura, per poi lamentarsi perché era troppo stretto e non riusciva a sbracciarsi per dare indicazioni. L’abito non conta’.

‘Sarri ha avuto il merito di portare Insigne nel ruolo giusto all’interno del 4-3-3. Il contratto di Maurizio? Annuale, ma ogni anno, per i prossimi cinque, ho una opzione per il rinnovo da poter esercitare entro aprile’.

Infine, il progetto di strutture per il settore giovanile: ‘Con l’aiuto della Regione Campania punto ad investire per costruire campi e foresteria per i giovani calciatori del settore giovanile’.