Tre tornei vinti nei primi tre dell’anno. Undici anni dopo la prima volta Roger Federer fa tris. In finale a Miami contro Rafa Nadal trionfa in due set 6-3 6-4.

Tre volte Federer

Era il 37° atto fra i due. Si impone lo svizzero, come nelle altre due sfide dell’anno a Melbourne e Indian Wells. Adesso il maiorchino è avanti nei confronti per 23-14, dopo aver perso gli ultimi quattro testa a testa. Federer centra il suo 91esimo titolo in carriera, su 139 finali. A Miami torna campione per la terza volta, dove non festeggiava più dal biennio 2005-2006. Il bilancio del 2017 racconta di 14 vittorie e 1 sconfitta, rimediata agli ottavi contro Donskoy. Fenomeno. Nadal e Miami non vanno invece proprio d’accordo. Nonostante sia approdato cinque volte in finale, lo spagnolo ha incassato solo sconfitte: nel 2005 ha perso al cospetto di Federer, nel 2008 la beffa contro Davydenko, mentre nel 2011 e nel 2014 è stato sconfitto da Djokovic. Per il 30enne maiorchino rappresentava la finale numero 104 in carriera, la terza in questa stagione.

Nadal lotta, ma alla fine cede

Le minacce maggiori Federer deve affrontarle nel primo turno di battuta, quando annulla due palle break. Nel quarto gioco Nadal cancella due chance allo svizzero; nell’ottavo fa altrettanto ma alla terza opportunità non può impedire il 5-3 di King Roger, che approfitta del turno di battuta per portare a casa in primo set. Nel secondo set regna l’equilibrio fino al 3-3. Lì Roger conquista un’altra palla break, che Rafa è tuttavia bravo ad annullare. Sul 4-4 e 30 pari il nastro dà una mano a Federer che poi chiude con un sontuoso lob. Nadal prova a riaprire la partita, trovando però sulla sua strada un attentissimo Federer, che con un paio di rovesci chiude i conti. Finisce dopo un’ora e 35′. Federer si fermerà per un paio di mesi, prima del gran ritorno al Roland Garros.