Meritatissimo. Arriva sulle Alpi austriache, alle soglie dei 35 anni, il primo titolo Atp di Paolo Lorenzi, esattamente sette giorni dopo la grande delusione di Coppa Davis, con l’amaro ko in doppio con l’Argentina a Pesaro. Il tennista azzurro ha conquistato il “Generali Open – Kitzbuhel”, torneo Atp World Tour 250 con montepremi di 463.520 euro andato in scena sui campi in terra rossa della città austriaca.

FINALE

Nel match clou Lorenzi, numero 48 Atp (ma grazie a questi 250 punti Atp da lunedì salirà al numero 41, nuovo best ranking) e quarta testa di serie, ha sconfitto 6-3, 6-4, dopo un’ora e 23 minuti, il georgiano Nikoloz Basilashvili, numero 123 Atp, in quello che era il primo testa a testa fra i due. Il 34enne senese riesce dunque a fare centro alla seconda finale Atp in carriera dopo quella raggiunta a San Paolo nel 2014 (stoppato dall’argentino Delbonis). Per il 24enne di Tbilisi si trattava della prima finale nel circuito maggiore, la prima in assoluto del resto per il suo Paese, la Georgia. Una settimana indimenticabile per Paolo Lorenzi, che succede nell’albo d’oro al tedesco Phillipp Kohlschreiber e riceve le congratulazioni del finalista durante la cerimonia di premiazione. “Grazie ai complimenti a Nikoloz, sei più giovane di me e avrai tante occasioni per vincere un titolo Atp – le prime parole del senese, visibilmente emozionato – Devo ringraziare prima di tutto il mio team, che mi segue in maniera perfetta, e gli amici che oggi sono voluti essere qui accanto a me. E grazie anche a chi organizza un torneo fantastico come questo, anche per merito dello staff. Penso che la cosa più bella per un giocatore sia il pubblico, con tribune piene e una splendida atmosfera, anche per la presenza di tanti italiani sugli spalti“.