La Juventus vince 4-1 a Bergamo contro l’Atalanta e si regala la nona vittoria consecutiva (leggi qui il commento della gara). A causa del contemporaneo poker della Roma al Catania, i giallorossi lasciano invariato il loro distacco dalla capolista. Il 5 gennaio le due squadre si sfideranno allo Juventus Stadium in un match che si preannuncia molto spettacolare. Non vi sono ormai più aggettivi per descrivere le prestazioni di Tevez. L’Apache è una garanzia, quel top player che sposta gli equilibri di un campionato. Trova l’undicesimo gol in serie A. La sua presenza in campo ha un peso specifico elevatissimo. Inizialmente Llorente pareva in difficoltà, effettivamente Migliaccio l’ha contenuto davvero bene, ma quando il navarro decide di destarsi diventa decisvo. Un assist al bacio per Pogba e la rete del 3-1 che chiude virtualmente la gara e manda i compagni in vacanza. Asamoah, che aveva stupito positivamente da mezz’ala, torna nella posizione di esterno sinistro e incappa in una giornata difficile. Un suo errore, con il gentile contributo di Pogba, regala la palla a Bonavetura che ringrazia e serve Moralez per il momentaneo 1-1 neroazzurro.

Pagelle Juventus

BUFFON 6: Peccato, davvero peccato. Se non fosse stato per il gol di Moralez, su cui il capitano bianconero non ha alcuna responsabilità, ora il suo record d’imbattibilità sarebbe intatto, invece si ferma a 745 minuti. Comunque tanta roba. Il portiere è una garanzia, come sempre.

BARZAGLI 6.5: Il muro bianconero controlla gli attaccanti atalantini senza troppe difficoltà. Quest’oggi il giropalla difensivo juventino non è dei migliori e lui si inventa due sventagliate degne del migliore Bonucci.

BONUCCI 6.5: Se la difesa bianconera fatica in fase di possesso si tenderebbe a dare la colpa al suo regista, ma non è così. Nel primo tempo, quando il problema si è palesato con grande intensità, è stato soprattutto merito dell’atteggiamento tattico dell’Atalanta. Per il resto nessuna sbavatura e un salvataggio decisivo sul 1-2.

CHIELLINI 6.5: Spettacolare la sua galoppata solitaria e il suo passaggio filtrante da Play Station per Llorente in occasione della rete del 1-3. In fase difensiva fa sentire il suo apporto.

LICHTSTEINER  6: Cerca di galoppare sulla corsia destra. In una delle sue discese trova anche l’assist vincente per il gol di Vidal. Come sempre disputa una gara generosa cercando di dare il suo apporto anche in fase di ripiegamento.

VIDAL 6.5: Come sempre ci mette grinta, coraggio, intensità e cuore. La sua prova positiva viene premiata anche dal gol e, ormai, non è una novità. Fortunatamente per i bianconeri non ha subito l’ammonizione che l’avrebbe costretto a saltare Juve-Roma, attento, prudente e scaltro.

(PADOIN n.g)

POGBA 6.5: La sua presenza si sente nel bene e nel male. A inizio gara fa infuriare i tifosi juventini lasciandosi scappare il pallone e Bonaventura, che poi serve l’assist per il gol del pareggio di Maralez. Commette anche altre ingenuità, ma si fa perdonare con una rete di grande classe e facendo giocate che deliziano il pubblico. La sua presenza fisica è imponente.

(PELUSO n.g.)

MARCHISIO 6: Inizia da regista e prosegue da mezz’ala. Il numero otto disputa una gara onesta, ma certo non è il miglior Marchisio di sempre. Ancora fermo a zero reti i tifosi juventini si augurano che si sblocchi al più presto, magari il 5 gennaio.

ASAMOAH 5.5: Incredibile l’errore che permette a Bonaventura di involarsi. In complicità con il collega Pogba pasticcia e perde un pallone velenoso e letale. Cerca più volte la discesa sull’out di sinistra, ma non sempre riesce ad arrivare al cross.

TEVEZ 7: L’argentino ci mette sempre la firma. Al sesto minuto scaglia un tiro beffardo che supera Consigli. L’Apache effettua la solita gara di qualità e quantità. È sgusciante come un serpente e difficile da controllare per la difesa neroazzurra.

(QUAGLIARELLA n.g.)

LLORENTE 7: Per un’ora circa Migliaccio gli mette la museruola, ma quando il Re Leone si risveglia per la difesa bergamasca si fa notte fonda. Delizia con un appoggio a Pogba per la rete del francese, poi decide di mettersi in proprio, sterza su Migliaccio, lo saluta e deposita in rete per il 3-1 che spegne ogni velleità bergamasca.

All. CONTE 7: Il giropalla difensivo bianconero non è fluido e pulito come al solito, nonostante ciò la Juve vince su un campo ostico e difficile come quello di Bergamo per 4-1. È un segnale micidiale al campionato e alla concorrenza. Nona vittoria consecutiva, record di punti della Juve di Capello raggiunto. Il tecnico bianconero è straordinariamente bravo.   

Pagelle Atalanta: Consigli 5.5; Raimondi 5.5; Stendardo 6; Migliaccio 6.5; Del Grosso 6 (Cazzola 6)  ; Brivio 6; Carmona 5.5; Cigarini 6;  Bonaventura 6.5 (Livaja 6) ; Moralez 6.5; Denis 6. All: Colantuono 5.5.

ARBITRO CELI: 6.5