Par condicio. Avrà ragionato in questo modo il management dell’Atac, che ha deciso di piazzare sui biglietti anche il laziale Antonio Candreva, dopo aver dato spazio sui ticket all’icona giallorossa Francesco Totti.

I biglietti con Antonio Candreva saranno disponibili alla fine di ottobre, a poche settimane dal derby della Capitale, in programma l’8 novembre.

Così come per Totti, anche che per Candreva l’Atac stamperà quattro tipi di ticket, raffiguranti altrettante immagini del centrocampista. L’accordo raggiunto tra l’Azienda per i Trasporti Autoferrotranviari del Comune di Roma e la Lazio prevede l’emissione di 500mila biglietti-santino con Candreva.

L’Atac ha deciso di stampare i Totti-bit in occasione del 39esimo compleanno del capitano giallorosso, che cade il 27 settembre.

“Un onore per me” le parole del 10 romanista “I biglietti che mi raffigurano serviranno ad aiutare l’ospedale pediatrico del bambin Gesù”.

Antonio Candreva è nato a Roma il 28 febbraio 1987. E’ alla LAzio dal 2012. Con i biancocelesti CAndreva ha disputato 124 partite mettendo a segno 31 gol.

Candreva è cresciuto nella Lodigiani, per poi passare alla ternana. Nels ettore giovanile degli umbri Antonio si mette subito in mostra, esordendo ad appena 17 anni in serie B.

Dopo la Ternana, la cessione all’Udinese e quindi due anni a Livorno, poi l’occasione alla Juventus. I bianconeri, però, sottovalutano il valore del centrocampista.

16 presenze e due gol prima della cessione al Parma, poi il Cesena ed infine l’approdo alla Lazio. Qui CAndreva dirà stop alla vita da girovago e toverà continuità di rendimento, conquistando anche la NAzionale in pianta stabile. Pe rlui, sin qui, 31 presenze e 2 reti in azzurro.