Al giro di Spagna ci sarà anche Fabio Aru. In dubbio sino all’ultimo la sua partecipazione, il ciclista sardo capitanerà l’Astana Pro Team.

Astana: la squadra alla Vuelta 2017

“Dopo le buone performance al Tour de France, dove ha vinto una tappa, vestito la maglia gialla per due giorni e concluso al quinto posto in classifica generale, Fabio Aru tornerà in gara alla Vuelta di Spagna, il prossimo 19 agosto – si legge nel comunicato stampa della squadra kazaka -. L’italiano sarà il leader dell’Astana per la corsa a tappe spagnola”. Ad affiancarlo il 23enne scalatore colombiano Miguel Ángel López, costretto la scorsa edizione al ritiro dopo appena sei giorni per infortunio. Altri sette i corridori del team asiatico: gli spagnoli Pello Bilbao e Luis León Sánchez, i kazaki Alexey Lutsenko e Nikita Stalnov, il russo Sergey Chernetskiy, il danese Jesper Hansen ed il belga Laurens De Vreese.

Aru: “Vuelta, corsa terribile”

In un’intervista concessa a “La Repubblica” Aru si è soffermato sulla grande corsa a tappe iberica: “Mi scoprirò tappa dopo tappa, non posso fare programmi o previsioni. So che sarà la solita corsa terribile, la più dura delle gare a tappe del 2017, la solita Vuelta con arrivi in salita da subito, sforzi brevi e intensi, pochi tapponi, ma molte tappe con finale al 20%. Mi sono preparato a casa, a Lugano, ho ricaricato le pile e badato anche a me stesso, pur restando attento all’alimentazione e ai soliti particolari. Uscite costanti, ma senza carichi eccessivi. Uscire dal Tour ti dà comunque una condizione di base. Al Tour mi sono piaciuto, ho risposto bene, ho corso come dovevo”.

Addio all’Astana? “Nei prossimi giorni l’annuncio”

“I miei rapporti con l’Astana comunque non erano tesi prima e non lo sono adesso - ha risposto al vociferato addio per l’UAE Emirates -. Stiamo studiando, io e il mio avvocato-procuratore, una soluzione per il futuro, presto si saprà tutto. Intanto però c’è questa Vuelta e ho a disposizione un’ottima squadra, con un giovane di prospettiva come Lopez, diversi scalatori, un uomo squadra come Luis Leon Sanchez. Ho tutto per fare bene. Il futuro inizierà dopo Madrid, anzi dopo il Lombardia, il mio ultimo traguardo stagionale”.