Con un Messi così la missione “far tornare Leo in Nazionale” del neo c.t. dell’Albiceleste Edgardo Bauza è stata praticamente una vacanza spesata a Barcellona. Già, perché nell’amichevole del Barça contro la Sampdoria il 10 blaugrana ha dato davvero spettacolo, segnando e facendo segnare polarizzando ancora una volta il ruolo di protagonista della serata. Quindi una missione compiuta con opera di convincimento perfettamente riuscita si può dire e Messi già convocato per le sfide con Uruguay e Venezuela per le qualificazioni ai Mondiali di Russia 2018.

Queste le parole di Bauza prima del rientro in Argentina: “L’ho visto con una grande voglia di tornare, però non voglio precipitarmi: parlerò con lui poi darò la lista definitiva dei convocati“. E convocazione fu. Messi aveva deciso di lasciare la Nazionale dopo la seconda finale persa consecutivamente in Copa America contro il Cile lo scorso 27 giugno. La cocente delusione, lo sconforto dopo l’ennesima finale persa e quel senso di amarezza per non riuscire a essere il leader tanto desiderato dai suoi tifosi così come lo è nel Barcellona avevano evidentemente parlato per lui, ma adesso Leo è tornato.

Il quattro volte pallone d’oro ha poi ufficializzato così il suo ritorno: “Nel calcio argentino ci sono un sacco di problemi e non mi intenzione crearne un altro. Non voglio causare nessun danno, piuttosto in passato ho sempre cercato di fare l’opposto e aiutare in ogni modo possibile. Ci sono tante cose da risolvere nel calcio argentino e io voglio provare a dare una mano da dentro piuttosto che criticare stando fuori. La notte della finale persa col Cile per la mia testa sono passate tante cose e ho sinceramente pensato di lasciare la nazionale ma il mio amore per il mio Paese e questa maglia è troppo grande. Ringrazio tutti coloro che volevano che continuassi a giocare in nazionale. Spero di poter dar loro qualcosa di cui gioire in tempi brevi“.