Oggi alle 18.00 italiane, all’Estadio Nacional de Brasilia, l’Argentina (quinta nel ranking Fifa) sfiderà il Belgio (undicesimo nel ranking Fifa) in una gara valida per i quarti di finale dei Mondiali 2014. La vincente di questa sfida affronterà la squadra che avrà la meglio tra Olanda e Costa Rica.

Tra l’Albiceleste e i Red Devils esistono due precedenti. Entrambi sono ai Mondiali. Il bilancio riferisce di una vittoria per parte. Il primo match risale al 1982, in Spagna. Qui il Belgio ebbe la meglio vincendo 1-0 grazie a un gol di Vandenbergh. L’altro, invece, fu durante l’edizione messicana del 1986. Le due squadre si sfidarono in semifinale. In questo caso ebbero la meglio i sudamericani che poi vinsero il torneo. Mattatore della partita fu Maradona che realizzò una fantastica doppietta.

L’Argentina giunge a questa gara dopo avere vinto il Gruppo F che comprendeva anche Nigeria (qualificata come seconda, ma eliminata agli ottavi), Bosnia Erzegovina e Iran. I sudamericani hanno sconfitto 2-1 i Dragoni, 1-0 gli asiatici e 3-2 le Super Aquile. Agli ottavi gli argentini hanno vinto 1-0 contro la Svizzera dopo i tempi supplementari. Fino a ora la nazionale guidata dal c.t. Sabella non ha brillato, ma ha sempre vinto. Si continua a parlare di Messi dipendenza. Stesso percorso netto anche per il Belgio. I ragazzi di Wilmots hanno trionfato nel Gruppo H. Quel girone era completato dall’Algeria (qualificata come seconda ed eliminata poi agli ottavi), dalla Russia e dalla Sud Corea. I Red Devils hanno sconfitto 2-1 les Fennecs, 1-0 la formazione di Capello e 1-0 le Tigri Aistiche. Negli ottavi hanno superato 2-1 gli Stati Uniti dopo i tempi supplementari. Il Belgio è una vera e propria cooperativa del gol. Fino a ora ha mandato a segno ben 6 diversi giocatori. Non sta deludendo le aspettative di inizio torneo e vorrà vendicare la sconfitta nella semifinale del Mondiale del 1986.

Sabella, che dovrà rinunciare allo squalificato Rojo, potrebbe schierare l’Argentina con il 4-3-3. Tra i pali agirà Romero. La difesa potrebbe essere composta da Zabaleta, F. Fernandez (in allenamento è stato provato DeMichelis al suo posto), Garay e Basanta. Davanti a loro potrebbero agire Gago, Mascherano e Di Maria. Il tridente d’attacco potrebbe essere formato da Higuian, Messi e Lavezzi (in allenamento al suo posto è stato provato Palacio). Recupera Aguero che dovrebbe partire dalla panchina. Non si esclude l’utilizzo del 4-2-3-1. Wilmots potrebbe rispondere con il 4-3-3. In porta ci sarà Courtois. La difesa dovrebbe essere formata da Alderweireld, Kompany, Van Buyten e Vertonghen. Davanti a loro potrebbero agire Defour, Witsel, Fellaini. In attacco spazio a De Bruyne, Origi, Hazard. Lukaku dovrebbe partire nuovamente dalla panchina. Stessa sorte potrebbe capitare al napoletano Mertens. Non è escluso l’utilizzo del 4-2-3-1. Dirigerà la gara l’italiano Nicola Rizzoli.

Argentina (4-3-3): Romero, Zabaleta, F. Fernandez, Garay, Basanta, Gago, Mascherano, Di Maria, Higuian, Messi, Lavezzi. All Sabella

Belgio (4-3-3):  Curtois, Alderweireld, Kompany, Van Buyten, Vertonghen, Defour, Witsel, Fellaini, De Bruyne, Origi, Hazard. All Wilmots