Dopo la finale di Champions League di Berlino vinta dal Barcellona che ha sconfitto comunque una grandissima Juventus che ha meritato di stare lì, con i campioni, uscendo a testa alta da una partita giocata alla pari con i blaugrana, era inevitabile ascoltare il giudizio di Antonio Conte, ct della nazionale azzurra, cui si devono in parte i risultati della Juventus in questa straordinaria stagione. L’ex allenatore bianconero è stato allora raggiunto di proposito nel suo ritiro azzurro a Coverciano, mentre la nazionale sta preparando il match di qualificazione agli Europei di Francia del 2016 contro la Croazia.

“La Juventus ha fatto una grandissima stagione, è inevitabile che quando arrivi a queste finali piccole cose possono spostare gli equilibri. In finale sabato scorso ci sono state situazioni che potevano spostare l’equilibrio della gara in favore della Juventus, ad esempio dopo l’1-1. La Juventus ha dimostrato di poterci stare bene, di giocarsela e di essere tornata grande”

In conferenza stampa poi a Conte è stato chiesto se non ci fosse stata da parte sua una sottovalutazione della Juventus, a livello di potenzialità, per raggiungere ciò che poi di fatto ha raggiunto in Europa, all’inizio della stagione scorsa quando però l’ex tecnico juventini decise di rescindere i contratto e non procedere oltre col progetto Juventus:

“Da parte mia non ho mai sottovalutato niente e nessuno. Sapevo il materiale umano che c’era alla Juventus perché ho lavorato 3 anni lì con loro, le capacità e le qualità della proprietà, della società e dei dirigenti. La Juventus ha fatto una grandissima stagione e per certi versi ha sorpreso anche me nel raggiungimento della finale Champions League. Ero convinto la si potesse raggiungere in due-tre anni ed invece loro hanno accorciato i tempi. Merito ai giocatori, ad Allegri, ai dirigenti, e alla società. Da ct mi auguro che quanto raggiunto dalla Juventus sia un punto di partenza per tutte le squadre a livello europeo per tornare ad alti livelli”

In conclusione il discorso è virato sull’inchiesta sul calcioscommesse di Cremona in cui è Conte è stato coinvolto e sul quale ha riferito: “È una vicenda molto molto dolorosa, va avanti da quattro anni. Aspetto con fiducia che venga tutto chiarito, certo che qualcuno un giorno dovrà darmi delle spiegazioni“. Conte ha infine ribadito con decisione l’intenzione di portare a termine il mandato fino al 2016: “Ho un impegno da mantenere che intendo rispettare fino agli Europei del 2016, e dopo si vedrà”.