Antonio Candreva potrebbe lasciare la Lazio a gennaio per andare al Barcellona. Ariedo Braida, direttore sportivo dei blaugrana, ultimamente ha seguito diverse partite dei biancocelesti.

Secondo spifferi di calciomercato, più che a Felipe Anderson, l’ex dirigente rossonero ha guardato con interesse le prestazioni del centrocampista della Nazionale.

In questo primo scorcio di campionato, Antonio Candreva non ha saputo replicare le prestazioni degli ultimi due campionati, quando ha realizzato 12 e 10 gol, senza contare gli assist.

Una stagione iniziata per lui con una forte delusione: la fascia di capitano finita sul braccio di Lucas Biglia nel ritiro di Auronzo di Cadore.

Secondo quanto riporta Il Messaggero, Candreva sarebbe ormai ai ferri corti con dirigenza, allenatore (Lotito e Pioli ne avrebbero abbastanza di lui), e spogliatoio (sempre secondo quanto scrive il quotidiano romano, il gruppo non lo considererebbe carismatico, al di là delle pretese da leader dell’ex Juventus).

Lo stesso Messaggero, a fine ottobre, diede conto di una chiacchierata avvenuta tra Gentiletti, Biglia e Felipe Anderson durante il leggero allenamento svolto all’indomani della sconfitta patita a Bergamo contro l’Atalanta (2-1 nel turno infrasettimanale) in cui parlarono della prestazione di Candreva, tra i peggiori in campo all’Azzurri d’italia.

Motivi che, insieme ai quattrini che il Barcellona potrebbe mettere sul piatto (La richiesta di Lotito si aggirerebbe intorno ai 40 milioni di euro), darebbero il via libera alla cessione di Candreva.

Non solo Barcellona. Su Candreva c’è anche il Chelsea, che sta pensando già alla squadra per la prossima stagine, quando, verosimilmente, avrà un allenatore che non risponderà al nome di José Mourinho, trascinato via da sconfitte che stanno relegando i blues a stretto contatto con la zona retrocessione.