Una due giorni da dimenticare per la Lazio di Stefano Pioli. i biancocelesti, dopo aver perso contro il Vicenza (1-0, gol di Vita), hanno replicato, a distanza di quarantotto ore, la scialba prestazione perdendo 3-1 contro l’Anderlecht.

A differenza della gara contro i veneti, in cui il tecnico aveva mandato in campo i big solo a pochi minuti dal termine della gara, stavolta i titolari sono stati della partita sin dall’inizio.

Ma è stata ugualmente una Lazio troppo brutta per essere vera, con l’unica attenuante della dura preparazione fisica degli ultimi giorni, che ha evidentemente imballato le gambe degli uomini di Pioli.

I biancocelesti sono andati sotto di tre gol nel giro di 34′. Segna Sylla, bissa Gillet (entrambi i gol con colpi di testa), completa l’opera Suarez su rigore.

Nella ripresa l’Anderlecht gestisce bene il match, correndo pochi pericoli. Nel finale Djordjevic rende meno amara la serata ai suoi con un gol di pregevole fattura su punizione a giro. E’ l’ 81′, ma il risultato non cambierà fino a fine partita.

A distanza di un mese esatto dalla gara d’andata dei preliminari di Champions League, i capitolini hanno dimostrato di aver ancora tanto da lavorare sul piano tattico.

Prima del match di Bruxelles, si sono registrati scontri fra le due tifoserie. Nonostante le autorità avessero vietato la vendita di tagliandi ai tifosi biancocelesti, questi si sono radunati in place de la Vaillance, ingaggiando una rissa con i tifosi dell’Anderlecht. La polizia ha parlato di circa cinquanta persone coinvolte. Nessuno è rimasto ferito in maniera grave, il bilancio conta venti fermati.

Anderlecht-Lazio 3-1, di seguito, il tabellino del match:

ANDERLECHT (4-3-1-2): Proto; Vanden Borre (46′ Najar), Dendoncker, Deschacht (77′ Nuytinck), Obradovic; Gillet, Defour, Tielemans; Praet (77′ Kawaya); Sylla (46′ Acheampong), Suarez (46′ Kabasele).
A disp.: Roef, Colin, Kaminski, Heylen, Bastien, Leya Iseka, Matthys.
All. Hasi.
LAZIO (4-3-3): Berisha (46′ Marchetti); Basta (67′ Konko), Mauricio (67′ Prce), Gentiletti (67′ Hoedt), Braafheid; Parolo (67′ Murgia), Cataldi (67′ Onazi), Lulic (67′ Oikonomidis); Candreva (67′ Keita), Klose (67′ Djordjevic), Felipe Anderson (67′ Perea).
A disp.: Guerrieri, Seck, Palombi.
All. Pioli
ARBITRO: Delferiere