Finalmente l’Inter riesce a spezzare il digiuno pre-stagionale riuscendo a vincere a Parma contro l’Athletic Bilbao alla quinta amichevole di pre-season dopo quattro sconfitte consecutive rimediate con, nell’ordine, Bayern Monaco, Milan, Real Madrid (durante la tournée cinese) e Galatasary. Una vittoria convincente per 2-0 contro una squadra notoriamente scorbutica e nonostante gli spagnoli si trovassero più avanti con la preparazione, avendo dovuto affrontare i preliminari di Europa League (qualificandosi per gli spareggi contro gli azeri dell’Inter di Baku). A segno Jovetic per il suo primo gol in nerazzurro e il “solito” Icardi.

Cessate le polemiche sollevate dai tifosi del Parma in aperta querelle con i tifosi nerazzurri e il club che supportano, L’Inter va in campo con il consueto 4-3-1-2 ma Mancini ridisegna l’assetto tenendo a riposo Kovacic (si è fermato dopo il riscaldamento) e Kondogbia e mandando in campo Medel (che torna dopo la vittoria col Cile in Copa América) e Gnoukouri. Si ripresenta dunque Medel davanti alla difesa, Gnoukouri gioca da interno ma nella ripresa prenderà il posto di Medel, sostituito. Sulla trequarti Brozovic. È subito un’Inter padrona del gioco che manovra in maniera ragionata attraverso una fitta ragnatela di passaggi ma sa anche colpire come al 16′ quando il nuovo acquisto Jovetic incorna bene un preciso cross dalla trequarti di Guarin chiamando Iraizoz a compiere il miracolo.

Inter in gol al 27 sempre con Jovetic che raccoglie un delizioso assist sotto porta da Gnoukouri dopo una bella combinazione con Juan Jesus sviluppatasi all’altezza del vertice sinistro dell’area spagnola. Una prima agognata rete dopo ben 387′ di astinenza in questa pre-season nerazzurra. Senza uomini chiave come Iturraspe, Susaeta e Muniain il Bilbao fa fatica a reagire giocando più che altro di rimessa. Sono rare le occasioni da segnalare per pericolosità anche in virtù di una difesa che incomincia a mettere a punto delicati meccanismi. Funziona l’intesa Miranda-Murillo. Un po’ meno quella delle due punte Jovetic-Icardi, che però fanno gran movimento, soprattutto il montenegrino.

Nella ripresa fuori Guarin per una noia muscolare e dentro Palacio per provare il 4-3-3, almeno fino al 61′, quando anche Jovetic abbandona il campo per questioni di minutaggio ancora scarso nelle gambe. Gnoukouri sale in cattedra a centrocampo ma il Bilbao non ci sta e incomincia a spingere cercando il pareggio. Sono rare però le occasioni vere e solo all’83′ arriva l’opportunità sulla testa di Sabin per pareggiare, ma il basco sciupa mandando a lato. Il minuto dopo arriva il gol che legittima la vittoria interista con Icardi che corregge in rete un cross dalla trequarti di Nagatomo. Un 2-0 finale che di certo ridona morale e fiducia all’ambiente.