È fissato per mercoledì l’incontro tra Massimiliano Allegri (foto by InfoPhoto) e il Milan, come annunciato da Adriano Galliani a margine del workshop Gazzetta. Un incontro che, a quanto si può evincere dalle parole dell’amministratore delegato rossonero, dovrebbe sancire la separazione consensuale tra il tecnico che contro ogni pronostico ha traghettato la squadra verso la Champions League e il club onorevolmente presieduto da un uomo che non lo sopporta più.

Mercoledì ci incontreremo con Allegri, capirò cosa vuole fare e poi prenderemo una decisione con il presidente Berlusconi alla luce di quello che ci dirà il tecnico. La società vuole sapere cosa vuol fare l’allenatore e poi troveremo una decisione assolutamente univoca con il presidente”.

In altre parole, Galliani sa bene che Allegri ha in mano l’offerta di un altro club (la Roma) e che per restare chiederà garanzie precise, a cominciare da un prolungamento del contratto almeno fino al 2015. Una condizione alla quale molto difficilmente Berlusconi accetterà di sottostare, anche perché non vede l’ora di riproporre un “suo” allenatore. Magari olandese, comunque un pezzo di storia.