Alibaba preferisce non commentare le voci che vogliono il suo fondatore, Jack Ma, pronto ad acquistare il Milan insieme ad alcuni soci.

Un no comment che sa di frase di facciata, ma che intanto rappresenta una delle poche dichiarazioni ufficiali in merito alla ventilata operazione.

“Non commentiamo quelli che sono solo rumors”, le parole dell’ufficio di pubbliche relazioni per il vecchio Continente di Alibaba. Anche un anno fa il gruppo smentì seccamente il coinvolgimento di Jack Ma (secondo uomo più ricco di Cina con un patrimonio di 23,1 miliardi di dollari) nella trattativa per l’acquisto della maggioranza delle azioni del club rossonero. Stavolta, però, le basi per la conclusione della maxi operazione potrebbero essere ben più concrete.

La cordata cinese, di cui farebbe parte anche il gigante del commercio digitale, avrebbe messo sul piatto circa 700 milioni di euro per rilevare il 70% del pacchetto azionario dell’Ac Milan.

Secondo le ultime voci, alle spalle della cordata di tycoon, si muoverebbe l’Evergrande Real Estate Group, il secondo fondo più grande operante in Cina.

L’Evergrande Real Estate Group è proprietario del club calcistico della città di cui ha sede, il Guangzhou FC, squadra che negli ultimi anni ha conquistato ben 5 titoli nella Chinese Super League, alcuni dei quali grazie a Marcello Lippi. E chissà che l’ex ct della nazionale non incroci Jack Ma e soci, stavolta sotto un cielo tinto di rossonero.

Intanto, PierSilvio Berlusconi ha dichiarato di non sapere nulla a propsita della trattativa: “Del Milan sono soltanto un tifoso”, le parole a margine dell’assemblea degli azionisti Mediaset.