Alle 22.00 italiane, all’Arena da Baixada di Curitiba, l’Algeria (22esima nel ranking Fifa) sfiderà la Russia (19esima nel ranking Fifa) nella terza e ultima giornata del Gruppo H dei Mondiali 2014. Contemporaneamente si disputerà l’altro match di questo girone che vedrà impegnate Corea del Sud e Belgio.

Non esistono precedenti tra algerini e russi.

Se l’Algeria sconfiggerà la Russia avrà la certezza della qualificazione agli ottavi di finale indipendentemente dal risultato che maturerà tra coreani e Red Devils. Gli africani arrivano dalla sconfitta 2-1 patita contro il Belgio e dalla vittoria 4-2 contro le Tigri Asiatiche. La Russia di Fabio Capello (unico italiano rimasto al Mondiale), invece, non ha completamente il destino nelle sue mani. Se i russi vincessero e la Corea del Sud non riuscisse a conquistare i tre punti, la quadra di Capello sarebbe qualificata. Invece, se i russi vincessero, ma la Corea del Sud dovesse avere la meglio sul Belgio, sarà la differenza reti a stabilire chi tra russi e coreani seguirà i Red Devils agli ottavi.  La nazionale guidata da Capello arriva dal pareggio 2-2 contro le Tigri Asiatiche e dalla sconfitta 1-0 contro il Belgio.

Halilhodžić dovrebbe schierare l’Algeria con il 4-2-3-1. Il c.t. ha i giocatori contati, ma è quello che ha cambiato più uomini di tutti tra la prima e la seconda gara. L’ ‘italiano’ Mesbah potrebbe far parte dell’undici titolare. Dovrebbero partire dalla panchina gli altri rappresentanti del nostro calcio, Ghoulam, Yebda e Taider. Non è escluso l’utilizzo del 3-4-1-2. Capello potrebbe rispondere con il 4-1-4-1. Mancherà l’indisponibile Kozlov. Kerzhakov unica punta. Non si esclude l’utilizzo del 4-2-3-1. Dirigerà la gara il turco Cakir.

Algeria (4-2-3-1): M’Bolhi, Mandi, Bougherra, Hallyche, Mesbah, Medjani, Bentaleb, Feghouli, Brahimi, Djabou, Slimani. All Halilhodžić

Russia (4-1-4-1): Akinfeev, Eshchenko, V. Berezutski, Ignashevich, D. Kombarov,  Glushakov, Samedov, Fayzulin, Dzagoev, Kanunnicov, Kerzhakov. All Capello

LEGGI ANCHE:

Prandelli dimissioni: “E’ responsabilità mia, ma non sono un ladro”, si dimette anche Abete

I migliori e i peggiori della seconda giornata dei Mondiali 2014

[polldaddy poll="8113584"]