Oggi la coppa Italia vivrà un momento storico con la semifinale Alessandria-Milan, in programma stasera alle 21 all’Olimpico di Torino con diretta su Raidue.

Erano 31 anni che una squadra di Lega Pro ed una di serie A non si affrontavano. Era il 1984 e si affrontarono il Bari (all’epoca in serie C) ed il Verona (che 12 mesi più tardi diventerà campione d’Italia).

Allora Davide non riuscì a sconfiggere Golia. Il Verona vinse sia la gara di andata che quella di ritorno e volò in finale (dove fu battuto dalla Roma).

L’Alessandria spera che stavolta le cose vadano in maniera differente. Mister Gregucci, però,frena gli entusiasmi di una piazza in fibrillazione. I biglietti sono andati a ruba e saranno ben 20mila i tifosi grigi che si recheranno all’Olimpico di Torino.

La partita sarà trasmessa in diretta da Raidue, ma chi non è riuscito a procurarsi il prezioso tagliando, potrà vivere il surrogato di una emozione da stadio vedendo la gara dal maxischermo posto in Piazza Duomo, che trasmise già la vittoria di La Spezia.

“Per noi è una serata storica. Peccato non poter disputare la gara al Moccagatta. Il nostro obiettivo è quello di arrivare alla gara di ritorno in corsa per il passaggio del turno”, le parole di Gregucci “Non dimentichiamo, però, che siamo in corsa per un obiettivo più importante che è la promozione in serie B”.

Mihajlovic, dal suo canto, non si fida di un avversario di due categorie inferiori: “Ricordo l’impresa del Calais, la piccola squadra francese che arrivò fino in finale di coppa di Francia nel 2000. Voglio concentrazione. Chi non darà il massimo potrà dimenticarsi di giocare il derby”.

Alessandria-Milan, probabili formazioni

ALESSANDRIA (4-3-3): Vannucchi; Sosa, Morero, Sirri, Sperotto; Nicco, Loviso, Branca; Marras, Marconi, Fischnaller – All. Gregucci
MILAN (4-4-2): Abbiati; Antonelli, Romagnoli, Zapata, De Sciglio; Honda, Poli, Josè Mauri, Boateng; Balotelli, Luiz Adriano – All. Mihajlovic
ARBITRO: Massimiliano Irrati di Pistoia