Avvio choc per l’esperienza al Napoli di Alberto Grassi. Il centrocampista prelevato dall’Atalanta si è infatti infortunato al primo allenamento in maglia azzurra.

Secondo quanto riporta la Gazzetta dello Sport, il ginocchio destro del’ex orobico si è bloccato mentre stava calciando. Alberto Grassi ha avvertito una forte fitta abbandonando immediatamente la seduta.

Apprensione tra lo staff medico del club azzurro. Si è subito temuto il peggio, ovvero l’interessmento di legamenti del ginocchio. Pericolo che sarebbe però stato scongiurato dai primi esami.

Grassi avrebbe riportato un trauma distorsivo con lesione del menisco, ma senza interessamento dei legamenti. Per lui si prospetta uno stop di circa tre settimane.

Quest’oggi il centrocampista partenopeo sarà visitato dal professor Mariani a Villa Stuart, a Roma, dove sarà sottoposto a risonanza magnetica, che chiarirà definitivamente l’entità dell’infortunio.

La notizia dell’infortunio è stata uno choc per il NApoli, ma anche per l’Atalanta, che ha ceduto un calciatore perfettamente integro e che mai aveva subito traumi.

“Questa notizia mi ha colto di sorpresa”, le parole di Mino Favini, fino a pochi mesi fa deus ex machina del prolifico settore giovanile dell’Atalanta, a tuttonapoli “Per me è assurda, Grassi nell’Atalanta non ha mai subito un infortunio”.

Grassi lo conosco da quando era un bambino, ha fatto tutta la trafila nel settore giovanile fino ad arrivare alla prima squadra e non aveva mai subito un infortunio del genere”, racconta il talent scout.

Grassi non è un fenomeno, ma è un calciatore in crescita esponenziale. Nonostante l’avvio non sia stato dei migliori continuerà a crescere”.

Nel tardo pomeriggio di ieri il Napoli si sarebbe attivato sul mercato per sopperire all’infortunio di Grassi.

I primi esami medici hanno però scongiurato gravi complicazioni e Giuntoli ha abbandonato la pista che avrebbe portato a Ionita del Verona. Ora il ds azzurro si sta concentrando sul difensore (Barba) e sulla cessione di De Guzman, diretto al Carpi.