Lo sport festeggia il compleanno di Adriano Galliani, il dirigente calcistico italiano più vittorioso nella storia.

Adriano Galliani nasce a Monza il 30 luglio del 1944 ed è il vice Presidente Vicario e Amministratore Delegato del Milan. La sua vita è legata al club rossonero dal 1986, da quando Silvio Berlusconi acquista la società in un’aula di tribunale e vuole l’imprenditore brianzolo suo braccio destro in questa avventura. Il duo Berlusconi-Galliani porta il Milan a diventare il club più titolato del mondo.

Non è sempre stata associata allo sport la sua vita. Galliani era un imprenditore nel mondo dell’industria, fu proprietario dell’azienda Elettronica Industriale di Lissone specializzata in apparecchiature per la ricezione dei segnali televisivi, grazie alla quale incontrò Silvio Berlusconi e da li iniziò una collaborazione che dura fino ad oggi.

Galliani è tra i dirigenti sportivi migliori nel suo ruolo e più ascoltati nel panorama sportivo italiano e internazionale. L’AD del Milan ha iniziato la sua carriera nella squadra della sua città, il Monza, per due stagioni fino all’ingresso nel mondo Milan. Durante la sua permanenza nel club di Silvio Berlusconi è stato presidente della Lega nazionale Professionisti, dal 2002 al 2006, e attualmente vice presidente della Lega Serie A.

Adriano Galliani ha vinto nella sua carriera con il Milan 28 trofei, 15 trofei nazionali e 13 internazionali che sommati fanno 28 trofei in 26 anni da massimo dirigente nel club di Silvio Berlusconi. Il palmares del dirigente brianzolo nel dettaglio è questo: 8 Scudetti; 1 Coppa Italia; 6 Supercoppe di Lega; 1 Fifa Club World Cup; 2 Coppe Intercontinentali; 5 Champions League; 5 Supercoppe d’Europa.

Famoso per le sue esultanze da tifoso , Adriano Galliani e molto scaramantico, tanto da portare sempre una cravatta gialla.