Primo arrivo in salita alla Vuelta 2016. A trionfare il francese Alexandre Geniez (FDJ), partito in fuga da lontano sul muro finale e poi capace di capitalizzare il vantaggio grazie alle sue caratteristiche da scalatore. Nuova maglia rossa Ruben Fernandez.

AVVIO IN FUGA

I big hanno iniziato a darsi battaglia in una frazione cominciata da Marìn, giunta dopo 176.4 km a Dumbría / Mirador de Ézaro. Sette i fuggitivi andati all’attacco sin dai primi chilometri: Alexandre Geniez (FDJ), Pieter Serry (Etixx-Quick Step, Rudiger Selig (Bora-Argon 18), Gatis Smukulis (Astana), Simon Pellaud (IAM Cycling), Jérôme Cousin (Cofidis) e David Arroyo (Caja Rural-Seguros RGA). Il loro vantaggio è andato oltre ai 6’ col Team Sky, squadra del leader generale Kwiatkowski, che ha gestito l’andatura del gruppo per lunghi tratti di gara.

GENIEZ LEADER SCALATORI

Simon Pellaud ha cercato di far suo il primo GPM di giornata, l’Alto Lestaio. Pur autore di un tentativo coraggioso, lo svizzero della IAM non ce l’ha fatta a conquistare la maglia scalatori, andata al transalpino Geniez in rimonta sul secondo GPM. Bruttissima la caduta a circa dieci chilometri dal traguardo del capitano Astana Miguel Angel Lopez, che ne ha compromesso la corsa. I fuggitivi, rimasti all’attacco, sono stati recuperati nel giro di poco dal gruppo.

FROOME IN RIMONTA, CONTADOR STACCATO

L’unico a resistere Alexandre Geniez, in grado di conservare qualche secondo per una prova magnifica. Primattori della terza tappa gli uomini Movistar, con Ruben Fernandez (secondo all’arrivo), Quintana e Valverde davanti. Mentre Esteban Chaves ha saputo resistere, Chris Froome è riuscito a tener botta ai diretti rivali mediante una rimonta negli ultimi metri. Ancora sotto le aspettative Alberto Contador, staccato addirittura di 30” insieme all’italiano Gianluca Brambilla.

Ordine d’arrivo 3^ tappa:

  1. Alexandre Geniez (FDJ) 4h28’36”
  2. Rubén Fernández (Movistar) +21″
  3. Alejandro Valverde (Movistar) +26″
  4. Chris Froome (Team Sky) s.t.
  5. Esteban Chaves (Orica BikeExchange) s.t.
  6. Nairo Quintana (Movistar) +32″
  7. Igor Anton (Dimension Data) s.t.
  8. Samuel Sanchez (BMC Racing) +54″
  9. Alberto Contador (Tinkoff) s.t.
  10. Gianluca Brambilla (Etixx-Quick Step) s.t.