E a quattro giornate dalla fine di una corsa comunque sempre spettacolare da quanto è stata spostata a fine agosto dopo Giro e Tour, ecco la prima vera volata per velocisti. Accade alla 18esima tappa della Vuelta 2016, da Requena a Gandia, per un totale di 200,6km, con un solo GPM di seconda categoria e pendenze al 3,8 per cento.

GARA

La frazione vive di fatto su una fuga di cinque corridori scattati dopo un’ora di corsa: Beppu (TFS) Jauregui (Alm), Vervaeke (Lts), Rolland (Cdt), Cattaneo (Lampre). I fuggitivi di giornata arrivano ad avere anche 6′ di vantaggio, ma il gruppo controlla e li raggiunge a 11 km dal traguardo, quando gli attaccanti sono rimasti in quattro. Ci sono anche Quintana E Froome ovviamente. La volata finale è bella, lunga, e premia Magnus Cort Nielsen, 23enne danese della Orica, bravo a resistere al ritorno di Arndt, vincitore dell’ultima tappa del Giro 2016. Quarto l’italiano Bennati. In classifica non cambia nulla: guida Quintana su Froome e Chaves. Domani cronometro di 37km. Decisiva?